60 anni dopo il mistero del passo di Dyatlov

Alla fine di gennaio del 1959 un gruppo di nove studenti dell’Istituto Politecnico degli Urali e un vecchio maestro di sci partirono dalla città di Sverdlovsk (ora Ekaterinburg) inuna spedizione verso il monte Otorten.negli Urali settentrionali. Guidato da Igor Dyatlov, un alpinista esperto, il gruppo procedette come previsto.

Nei giorni successivi, il gruppo viaggiò prima nella città di Ivdel in treno, poi proseguì per Vizhay in autobus. Guidando un camion si diressero verso “Sector 41”, un insediamento per la lavorazione del legno. Il giorno successivo, uno dei taglialegna ha accompagnato il gruppo nel sito geologico abbandonato “Nord 2”, l’ultimo insediamento umano nella zona.Il 28 gennaio uno degli escursionisti, studente di economia Yuri Yudin, aveva iniziato a sentirsi molto male.Sperando che il suo disagio fosse solo temporaneo, Yudin passò l’intera giornata a raccogliere campioni di roccia per l’Institute of Mining a Sverdlovsk.Sverdlovsk, precedentemente nota come Ekaterinburg dopo la moglie di Pietro il Grande, fu fondata per sfruttare le risorse minerarie degli Urali.Le colonne di pietra di Manpupuner situate nei monti UraliLe colonne di pietra di Manpupuner situate nei monti Urali. La “montagna degli idoli” sono i resti erosi di una falda tettonica vecchia di 200 milioni di anni di scisti di quarzite di sierite, che formano un paesaggio inquietante anche attorno al Passo Dyatlov. 

Yudin ha trovato del quarzo e l’oro del folle. Tormentato da un forte dolore, decise di tornare indietro mentre il gruppo rimanente di nove continuava come previsto. Proseguirono a piedi e in cielo seguendo il fiume Auspiya fino alle montagne. Le foto recuperate e le voci del diario suggeriscono che tutto andava bene, anche se c’era molta neve e il tempo era brutto, rallentando gli escursionisti.Dieci giorni durante il viaggio, il primo di febbraio, hanno allestito un campeggio per la notte sul costone orientale di “Altezza 1079“, noto alla popolazione indigena Mansi come “Holatchahl” o la montagna morta. Quella sera, un evento sconosciuto portò il gruppo a uscire dalla tenda e mandò gli escursionisti senza scarpe e senza vestiti nella notte gelida, con temperature sotto i -22 ° G.

Poche settimane dopo, amici e parenti cominciarono a preoccuparsi. Il 26 febbraio un gruppo di ricerca scopre la tenda abbandonata sul pendio. Nove coppie di impronte portano la squadra di ricerca lungo il pendio verso i boschi vicini.Sotto un grande albero di cedro ai margini della foresta accanto ai resti di un falò improvvisato, furono trovati due corpi congelati. I successivi tre corpi furono trovati a varie distanze tra la tenda e l’albero di cedro coperto di neve. Le autopsie rivelarono in seguito che tutti e cinque erano morti per ipotermia. Gli ultimi quattro escursionisti furono trovati solo nel maggio del 1959 sul fondo di un piccolo burrone, coperto da 9 piedi di neve, all’interno della foresta. Tre di loro avevano subito lesioni letali, uno aveva un cranio fratturato e due avevano costole fratturate. Uno aveva ferite lievi e morì di ipotermia. Il medico legale riteneva che le ferite fossero state sostenute da una caduta o da uno schiacciamento del manto nevoso. Le autorità russe hanno rapidamente chiuso il caso, sottolineando che “la causa della morte era una sconosciuta forza irresistibile che gli escursionisti non erano in grado di superare”.

Da quella notte quello che è successo agli escursionisti al “Passo Dyatlov  “ha provocato speculazioni selvagge che spaziano da un serial killer, valanghe, attacchi di animali, armi segrete, coperture militari, anomalie di gravità, un incendio nella tenda, pupazzi di neve assassini, UFO e follia temporanea causati dall’abuso di droghe o infrasuoni .

Gli investigatori russi sono stati in grado di ricostruire parte di quello che è successo quella notte sulla base delle prove recuperate. Gli escursionisti addormentati si svegliano all’improvviso, aprono la tenda con un coltello e fuggono giù per il pendio nel bosco vicino, apparentemente incapace o non disposto a tornare ancora al campeggio. All’albero di cedro, due escursionisti accendono il fuoco, rendendosi conto che la fiammella che sbiadisce non manterrà il gruppo in vita per tutta la notte. Tre escursionisti cercano di tornare alla tenda, morendo sul pendio. Quattro di loro, avventurandosi più a fondo nel bosco, innescano una piccola valanga portandoli oltre il bordo del burrone con una goccia di circa 9 piedi. Mentre il fondo è coperto di rocce e ghiaccio, subiscono ferite mortali.Tuttavia, non è chiaro il motivo per cui il gruppo è fuggito dalla tenda.

La tenda era stata tagliata dall'interno e la maggior parte degli sciatori era fuggita in calzini oa piedi nudi. Foto scattata dalle autorità sovietiche nel campo dell'incidente del Dyatlov Pass e annessa all'inchiesta legale che indagava sulle morti.
Una vista della tenda quando i soccorritori la trovarono il 26 febbraio 1959. La tenda era stata tagliata dall’interno e la maggior parte degli sciatori era fuggita in calzini oa piedi nudi. Foto scattata dalle autorità sovietiche nel campo dell’incidente del Dyatlov Pass e annessa all’inchiesta legale che indagava sulle morti.

Il coinvolgimento di una terza parte è stato escluso al momento dell’inchiesta in quanto non si sono mai trovate tracce, a parte gli escursionisti e la squadra di soccorso, nella neve. Non sono state trovate prove che suggerissero che qualcosa di inaspettato, come un incendio o un fumo (il gruppo aveva una piccola stufa in uso), fosse accaduto nella tenda. Alcuni autori suggeriscono attività paranormali, come gli UFO e le sfere di alleggerimento, per spiegare la morte dei nove escursionisti, sulla base delle segnalazioni di palle di luce osservate nel cielo sopra i monti Urali nella notte in cui gli escursionisti sono morti.

Altri autori spiegano le relazioni come test di armi segrete, tuttavia, al momento i missili russi sono stati testati in Siberia e non nelle montagne degli Urali.Ci sono documenti sulle miniere di paracadute che sono stati testati dall’esercito sovietico nell’area intorno al tempo in cui gli escursionisti erano lì, ma al campeggio non sono state trovate tracce di un’esplosione o di parti metalliche di una detonazione vicina. Ricerche recenti suggeriscono che un fenomeno meteorologico raro, i vortici formati dall’aria che scorre sulla vetta di Holatchahl, ha creato vibrazioni infrarosse.Questo suono sotto la portata dell’udito umano colpisce direttamente il sistema nervoso umano, causando paura irrazionale nei membri del gruppo escursionistico. Mentre fuggono dal campeggio, si rendono conto troppo tardi di essere persi nella tempesta di neve.

60 anni dopo il mistero del passo di Dyatlov foto delle vittime
Foto delle vittime del passo di Dyatlov

Una delle spiegazioni più comunemente adottate riguarda un’improvvisa valanga di lastre nel cuore della notte, che minaccia di seppellire la tenda.Valanghe di lastre, una valanga formata da un lenzuolo scorrevole di neve dura e fitta che scorre lungo il pendio, sono responsabili di quasi il 90% di tutte le morti da valanga. Il giorno dell’incidente, la neve nel campeggio era profonda 6 piedi e gli escursionisti in realtà scavavano nella neve per sistemare la tenda. Le valanghe possono verificarsi su qualsiasi pendenza, ma sono più frequenti e comuni su pendenze più ripide di 28 °. Il pendio immediatamente sopra il campeggio era a 22-30 ° e il terreno sulle pendici di Holatchahl è molto accidentato, con massi che spuntano da terra, rendendo qui una valanga molto improbabile. Inoltre non c’erano segni di una valanga recente da trovare nel campeggio.

Il caso continua a rimanere irrisolto 60 anni dopo.. a voi i commenti!

Commenta su facebook