AMULETO di TUTANKHAMON: Il materiale sarebbe venuto dallo spazio “Il bicchiere di Amuleto formato dall’impatto di un meteorite”

Svelato l’enigma del prezioso vetro del deserto della Libia.
Una nuova indagine ha appena dato risposta all’enigma del vetro della Libia, che ha incuriosito gli scienziati un secolo fa. Il materiale, che è stato utilizzato da King Tutankhamon, è il risultato dell’impatto di un meteorite e non di un’esplosione dell’aria atmosferica, come hanno sostenuto altri esperti

Per la ricerca, pubblicata questa settimana sulla rivista Geology, il team ha esaminato piccoli grani dello zircone minerale in campioni di vetro raccolti nel deserto libico, formatisi 29 milioni di anni fa e misurati per diverse migliaia di chilometri quadrati ad ovest dell’Egitto.

Amuleto di vetro di Tutankhamon

Il vetro in questione è composto quasi esclusivamente di silice pura e ha una tonalità giallastra.Era lo stesso materiale che era usato per fare un coleottero che fa parte del Petto Corazzato del Re Tut, il faraone egiziano che regnò dal 1336 al 1327 aC

materiale che era usato per fare un coleottero che fa parte del Petto Corazzato del Re Tut, il faraone egiziano che regnò dal 1336 al 1327 aC

L’autore principale Aaron Cavosie ha detto che gli zirconi trovati nei campioni di vetro preservano la presenza di un minerale ad alta pressione, la reidite, che si forma solo durante l’impatto di un meteorite. 

“[Questo] è stato oggetto di un dibattito in corso sul fatto che il vetro si sia formato durante l’impatto di un meteorite o se si sia formato durante un’esplosione d’aria, che si verifica quando gli asteroidi, chiamati Near Earth Objects, esplodono e L’atmosfera terrestre “, ha detto l’esperto, citato in una dichiarazione.

“Sia impatti di meteoriti, se le esplosioni d’aria possono causare la fusione, tuttavia, solo impatti di meteoriti creano onde d’urto che si formano minerali ad alta pressione, quindi, di trovare le prove di reidite conferma che il vetro è stato creato a seguito di impatto di un meteorite “, ha detto.

Secondo Cavosie, l’idea che il vetro possa essersi formato durante un’esplosione atmosferica ha guadagnato popolarità dopo una grande esplosione avvenuta in Russia nel 2013. 
Il fenomeno, che ha causato danni agli abitanti, non ha causato la fusione di materiali da verificarsi. 

“I modelli precedenti hanno suggerito che il vetro del deserto libico rappresentasse una grande esplosione d’aria, ma i nostri risultati dimostrano che non è questo il caso”, ha detto Cavosie. 

“Gli impatti delle meteoriti sono eventi catastrofici, ma non sono comuni. Ma le esplosioni nell’aria si verificano più spesso, ma ora sappiamo che non ci aspetteremo un evento di raccolta di cristalli nel deserto libico nel prossimo futuro, il che è motivo di un certo conforto “, ha detto.

La ricerca ha anche avuto la collaborazione del direttore del Museo di storia naturale di Vienna, il professor Christian Koeberl. (Fonte)

Commenta su facebook