BRASILE – I documenti mostrano il rapporto di un abitante che ha detto di essere stato picchiato da ET negli anni '90


Célio Baptista ha registrato un rapporto della polizia in merito all'aggressione di ET a Sorocaba – Foto: Cedoc / TV TEM – Clayton Esteves / Arte

Il caso è stato registrato presso la stazione di polizia il 3 luglio 1997 a Sorocaba, all'interno di San Paolo, ed è stato archiviato al Forum. Célio de Lima Baptista è stato assassinato mesi dopo l'incidente.

La notte del 3 luglio 1997, un boschetto nel quartiere di Vila Helena, a nord di Sorocaba (SP), è stato teatro di uno scontro tra l'uomo e un extraterrestre. Almeno questo è ciò che mostra la storia del rapporto di polizia registrato in quella data.

All'epoca, Célio de Lima Baptista, 26 anni, venditore freelance e praticante di arti marziali, registrò il caso nell'8 ° distretto di polizia come una ferita corporale causata da un uomo alto due metri, magro con gli occhi rossi.

40 anni fa, la polizia ha seguito le "sfere luminose" nel cielo di Sorocaba

Almeno nel tribunale di Sorocaba, il caso è stato l'unico a raggiungere il Forum e chiuso l'anno successivo, senza l'identificazione del presunto "litigante ET". G1 ha cercato Célio per parlare del caso, ma è stato informato che il ragazzo è morto mesi dopo l'incidente. Célio è stato colpito e ucciso nello stesso quartiere, mesi dopo l'incidente.

G1 ha avuto accesso alla storia del rapporto sull'incidente all'epoca, alle testimonianze allegate al caso e ha recuperato un rapporto in cui otto mesi dopo il fatto Célio ha richiamato l'aggressore e ha spiegato in dettaglio l'accaduto.

Residente di Sorocaba registra il rapporto sull'incidente per aggressione da parte di extraterrestri

3 luglio 1997

Il venditore stava tornando a casa con la verdura quando l'auto si è rotta a Vila Helena, a nord di Sorocaba. Temendo il furto del veicolo, il ragazzo è andato a casa, ha lasciato la spesa ed è andato a dormire in macchina, secondo il parlamentare.

Watchmen lo rassicurò e disse che avrebbero guardato l'auto rotta. Verso le 20 sarebbe apparsa una luce nel cielo, ma la situazione non avrebbe attirato l'attenzione del venditore, poiché nella regione c'è un aeroporto.

Célio registrò un rapporto della polizia a Sorocaba, all'epoca – Foto: Arquivo / TV TEM

Il ragazzo tornò a casa e decise di farsi strada in un boschetto, quando la luce e la figura che descrisse in quell'occasione apparvero come "uno scheletro, senza carne, di colore inspiegabile, mani con pinzette e occhi rossi". Célio ha dichiarato di aver cercato di proteggersi perché conosceva le arti marziali.

"Voleva dire qualcosa, come 'zen, ra, za', come se volesse parlare e io non capivo e la mia lingua stava già iniziando a diventare pesante per la paura. Non ho distolto gli occhi da lui", ha dichiarato Celio nel servizio televisivo. Globo, otto mesi dopo l'evento.

Ragazzo disegnato per essere magro e con gli occhi rossi che lo avrebbe attaccato a Sorocaba – Foto: Arquivo / TV TEM

Lesione al pollice

Secondo il rapporto al parlamentare, ha "sentito qualcosa sul dito (pollice destro) ma ha notato solo la puntura profonda e il naso sanguinante dopo la scomparsa; che il naso sanguinava solo dal lato destro, ha sentito il lato destro del suo corpo, dalla testa ai piedi totalmente congelati. "

Poi, come rilevato da G1, Célio è corso e ha chiesto aiuto per i giovani, che hanno avvertito una signora. La Polizia Militare lo ha mandato al pronto soccorso di Vila Angélica, dove gli è stata applicata una benda al dito.

Il giorno successivo, secondo il rapporto dell'accusa, il ragazzo è stato portato all'istituto medico legale (IML), ma non c'era il medico. Tuttavia, la ferita è guarita rapidamente.

"Se sono in uno stato di follia o di delirante, sapremo perché non ho mai avuto problemi", ha detto.

Il rapporto della polizia a Sorocaba è stato registrato come lesione corporale – Foto: Arquivo / TV TEM

Versione ufficiale di polizia

Il premier Mello, che quella sera era presente a Célio, intorno alle 22, ha ricevuto la dichiarazione di aggressione a Rua Protássio de Camargo Sampaio.

Sulla scena, si diceva che il ragazzo avesse una profonda ferita al pollice ed era terrorizzato. Quando si è avvicinato a Célio, il Primo Ministro ha chiesto quante persone hanno cercato di aggredirlo, ma il ragazzo ha detto che era "uno strano essere".

Il caso è finito alla stazione di polizia. Il delegato José Ordele Alves Lima Júnior era in servizio. Sono tornati tutti sul campo, di dimensioni simili a quelle di un campo da calcio e senza illuminazione.

Il team ha indagato sul luogo e ha scoperto che non c'era nulla con cui Célio potesse tagliarsi, secondo il record del PM. La vittima non sembrava essere ubriaca o ubriaca, ha detto l'agente.

A G1, quasi 22 anni dopo, il capo José Ordele ricorda di aver assistito al caso in servizio e di averlo registrato come lesioni personali.

"Il ragazzo mi ha detto che era stato picchiato da un extraterrestre e l'ho inserito nel verbale della polizia".

In un'intervista rilasciata all'epoca al rapporto, la procura Mara Silvia Gazzi disse che il caso sarebbe stato archiviato al Forum e disse di credere alla versione di Célio.

"Sembra essere una persona assolutamente normale, con una coerenza spaventosa nelle dichiarazioni rese dopo mesi. Ci sono molte persone che hanno visto dischi volanti e confesso di averli visti una volta. C'erano altre tre persone presenti", ha detto il procuratore al rapporto, in 1998.

Il curioso evento ha attirato l'attenzione degli ufologi non solo della regione, ma di tutto il Brasile. Attualmente, il Sorocaba UFO Studies and Research Group (GEPUS), formato da specialisti in materia, sta studiando il caso che rimane un mistero.

Il caso di aggressione da parte di ET è stato archiviato a Sorocaba – Foto: Arquivo / TV TEM (fonte)

Un altro post di: UFO ONLINE

Commenta su facebook

Lascia un commento