Buzz Aldrin chiama “Grande migrazione dell’umanità su Marte” una priorità nazionale

Buzz Aldrin ha fatto notizia in tutto il mondo cinquant’anni fa quando è diventato il secondo uomo a camminare sulla faccia della luna. Ora sta scrivendo i titoli di un articolo straordinario per il Washington Post, dove sollecita gli Stati Uniti a iniziare a guardare seriamente alla colonizzazione di Marte.


Aldrin scrive che gli Stati Uniti dovrebbero consentire la migrazione di massa verso il Pianeta Rosso come priorità nazionale. Scrive: “Gli occhi degli Stati Uniti – e il nostro impegno unificato – dovrebbero concentrarsi sull’aprire la porta, nel nostro tempo, alla grande migrazione dell’umanità su Marte”.

Buzzi Aldrin lanciare nuove missioni sulla Luna e su Marte
loading…


Aldrin scrive di accogliere con favore la spinta dell’amministrazione Trump per lanciare nuove missioni sulla Luna e su Marte, ma ritiene che queste società di esplorazione siano solo il primo passo. Invece, vuole vedere le pietre miliari della ricerca scientifica che aprirà la strada alla migrazione umana su Marte.

Aldrin non si espande perché crede che la colonizzazione di Marte possa essere essenziale per la sopravvivenza della specie

“A causa della meccanica orbitale, le missioni Terra-Marte verso la migrazione sono complesse, la natura umana – e potenzialmente la sopravvivenza suprema della nostra specie – richiede la continua estensione dell’umanità nell’universo”.
Nel suo articolo, Aldrin non si espande perché crede che la colonizzazione di Marte possa essere essenziale per la sopravvivenza della specie.Mentre si può ipotizzare che Aldrin sia preoccupato per il rischio posto al pianeta dagli effetti dei cambiamenti climatici e della sovrappopolazione globale, l’articolo di Aldrin non affronta dettagli specifici semplicemente dicendo che “Noi sfruttiamo o esaliamo. Ecco perché dovremmo andare avanti.

Il tono del gioco di Aldrin non si riferisce a una possibile minaccia di estinzione, ma caratterizza l’esplorazione dello spazio come una grande forza unificante. In un mondo così pieno di divisione e conflitto, scrive Aldrin, la colonizzazione di un altro pianeta potrebbe essere un progetto necessario per unire l’umanità.

Commenta su facebook