Cacciatori di ufo: la Nasa ci nasconde la presenza aliena su Marte

Cacciatori di ufo: la Nasa ci nasconde la presenza aliena su Marte?

Il Daily News riporta il parere di alcuni cacciatori di ufo secondo i quali una foto marziana del Rover Opportunity ritrarrebbe una cupola ferrosa di fattura extraterrestre. Da qui la denuncia secondo la quale la Nasa ci nasconderebbe la vita aliena su Marte

Secondo un gruppo di ufologi, la Nasa ci starebbe nascondendo delle sconvolgenti verità: in particolare, per i cacciatori di ufo intervistati in queste ore dal Daily News, sembrerebbe che l’agenzia spaziale statunitense abbia le prove, occultate, della presenza alienasul pianeta rosso per eccellenza, ovvero suMarte.La dichiarazione in questione, un po’ forte in verità, dipenderebbe dalla recente pubblicazione di una foto, di proprietà della Nasa e relativa a una missione del Rover Opportunity che, dal Gennaio 2004, continua ad esplorare il suolo marziano. Nello specifico la foto “incriminata” mostrerebbe una struttura a forma di cupola di aspetto apparentemente non naturale e quindi, si sussurra, di stampo extraterrestre.La struttura a cupola citata, secondo quanto riportato dal Daily News, non sarebbe fatta di materiale roccioso perché, da quel che si vede, non ha un colore simile all’ambiente che la circonda. Una cosa che spicca, invece, di questa cupola è la sua capacità di riflettere la luce del Sole, caratteristica – quest’ultima – che lascerebbe propendere per l’impiego di materiale ferroso.

 Da parte di chi, ci si potrebbe chiedere a questo punto: tra le ipotesi avanzate, si parla appunto di una civiltà preistorica aliena che avrebbe abitato il pianeta quando le sue condizioni di vita erano ancora tollerabili. Non trascurata, comunque, è l’ipotesi secondo la quale la struttura in questione faccia parte di alcuni veicoli esplorativi della Nasa mandati a ispezionare vari angoli dello spazio: sulla Luna, infatti, sarebbero state avvistate strutture cupolari simili a quella marziana. Il problema è che la Luna è costantemente bombardata da meteoriti e questo potrebbe spiegare il particolare scalpellamento di alcuni tratti del suo suolo.
Commenta su facebook