“Elisir di immortalità” trovato nella tomba della dinastia imperiale cinese

Gli archeologi della provincia di Henan, nella Cina centrale, hanno trovato il famoso “elisir di immortalità” descritto nell’antica letteratura taoista, riferisce l’agenzia di stampa Xinhua. 

Circa 3,5 litri del liquido sono stati trovati in una pentola di bronzo scavata da una tomba della dinastia Han occidentale nella città di Luoyang lo scorso ottobre. 

I ricercatori hanno pensato che fosse un liquore, poiché la sostanza emetteva un forte odore di alcol.analisi di laboratorio, tuttavia, hanno stabilito che la rete è fatta di nitrato di potassio e alunite, che sono gli ingredienti fondamentali di un elisir di lunga vita descritto in un antico testo taoista, secondo l’archeologo principale del progetto di scavo, Pan Fusheng.

È la prima volta che vengono scoperti mitici farmaci per l'immortalità in Cina

“È la prima volta che vengono scoperti mitici farmaci per l’immortalità in Cina. Il liquido è di valore significativo per lo studio di antichi pensieri cinesi sul raggiungere l’immortalità e l’evoluzione della civiltà cinese “, ha detto il direttore dell’Istituto di Reliquie Culturali e Archeologia di Luoyang, Shi Jiazhen, citato da Xinhua. 

Inoltre, gli investigatori hanno scoperto un gran numero di utensili di giada, vasi di terracotta dipinti e manufatti di ottone nella tomba dei nobili, che misura circa 210 metri quadrati. “La tomba fornisce materiale prezioso per lo studio delle vite dei nobili dell’Han occidentale, così come i riti e le usanze funebri del periodo”, ha detto Pan.

Molti imperatori cinesi perseguitati vita eterna, Qin Shi Huang, il primo imperatore della Cina unificata, era così disperato nei loro sforzi per ingannare la morte che ha costruito un enorme mausoleo sotterraneo per il mondo – famoso soldati di terracotta, che dovrebbe proteggere in vita dopo la morte.

Come se fosse uno scherzo del destino, l’imperatore morì a soli 49 anni – presumibilmente per avvelenamento mentre beveva un elisir alchemico. 

Commenta su facebook