Geni “extraterrestri” nel DNA umano – “Esistono geni di oltre 20 civiltà extraterrestri nel DNA umano”

loading…


La ricerca collaborativa di un raduno di ex scienziati postula che ci sono geni di oltre 20 civiltà extraterrestri nel DNA umano.Questi ex scienziati sono quelli che hanno continuato il lavoro del vincitore del premio Nobel Dr. Frances Crick e di altri studiosi in questo settore. I risultati attuali sono coerenti con le relazioni del professor Sam Chang, che ha tranquillamente fornito informazioni sulle sue apparenti scoperte in associazione con il Progetto genoma umano. Gli scienziati stanno iniziando a lamentarsi sempre di più dei tentativi politici di compromettere l’integrità del loro importante lavoro per l’umanità. Il rilascio discreto dei risultati è un modo evidente in cui gli scienziati cercano di far fronte alla pressione dei pari in conformità con le pressioni politiche prevalenti.

Francis Crick e il collega James Watson

Francis Crick e il collega James Watson sorpresero il mondo accademico nel 1953 quando decifrarono la struttura della molecola di DNA. (Foto)
I dettagli dei risultati sono stati pubblicati in parte dal Dr. Michael Salla, che è uno studioso nella ricerca extraterrestre. Gli ex scienziati e altri ricercatori basano attentamente i loro risultati in parte sulla raccolta di dati, che comprende anche osservazioni corroboranti documentate da contatti e “informatori”, nonché da altra documentazione. 

Si è scoperto che queste fonti affidabili hanno contattato rappresentanti di organizzazioni non terrestri. 
“Exoscience” è lo studio del fenomeno extraterrestre. “Exo-science” è anche associata a “exo-policy”, che comprende la necessità per l’umanità di avere contatti aperti con extraterrestri su una base rappresentativa democratica che rispetti la sovranità della terra.

Nell’odierna “economia globale” è stata creata nel tempo una “scienza ufficiale” che nega lo studio analitico dei fenomeni spirituali come contesto legittimo per comprendere la realtà umana. La “scienza” legittimata dalle istituzioni strettamente legate a questa “economia globale” tende a considerare solo alcuni aspetti della “materialità”.Le questioni prioritarie di questa “scienza ufficiale” stanno limitando le aree di conoscenza e completando l’agenda elettorale degli individui che cercano di manipolare la conoscenza, “riconosciuta” come conoscenza umana del potere e del controllo.In questo contesto di prioritizzazione scientifica, in particolare, cerca di escludere le relazioni extraterrestri con l’umanità, 

Il Dr. Francis Crick

Il Dr. Francis Crick ha concluso l’origine extraterrestre nel genoma umano nella sua rinomata ricerca sul DNA. (Foto)
In effetti, gli sforzi per cercare un contesto scientifico per l’apprezzamento dei fenomeni spirituali sono stati anche disapprovati dalle élite delle religioni istituzionalizzate, a cui piace la “scienza ufficiale”, che cercano di controllare l’umanità all’interno dei dogmi accettati dal sistema.

Gli sforzi di collaborazione di ex scienziati, ispirati dal Dr. Michael Salla, suggeriscono che tra i 20 e 20 tipi di geni extraterrestri stimati nel DNA umano vi sono le capacità psicocinetiche associate alle memorie genetiche delle antiche razze extraterrestri. Queste apparenti abilità psicocinetiche sono associate al focus della coscienza creativa collettiva dell’essere nell’universo.
Queste capacità psicocinetiche, ad esempio, potrebbero manifestarsi nel tempo quando gli esseri umani compiono atti nel tentativo di salvare un’altra vita, come “grandi atti fisici e altri atti”, che sembrano andare oltre sfera di comprensione da parte della “scienza ufficiale”. Le capacità di guarigione registrate negli individui delle comunità indigene di tutto il mondo, ad esempio, hanno mostrato in relazione alla loro spiritualità, che era stata anche registrata in Gesù, un accesso a questa “memoria” nel DNA. “Scienza ufficiale”, che mira a integrare gli interessi di varie aziende che cercano profitti commerciali da medicine e altre terapie, apparentemente cerca di negare gli incredibili potenziali dell’umanità per un’alta qualità della vita,quando accedi alla tua memoria del DNA.

La terra rappresenta una frontiera genetica per alcuni alieni?
Ci sono state segnalazioni di testimoni oculari in tutto il mondo, inclusi video di apparenti navi extraterrestri, trasmesse da emittenti professionali a milioni di persone. Gli ex scienziati indicano questo perché “questi extraterrestri hanno cercato di osservare o intervenire sulla Terra come risultato di umani con tracce dei loro antenati genetici”.È importante sottolineare che gli ex scienziati non sostengono che tutti gli extraterrestri osservati dall’umanità lo facciano a causa di un’associazione genetica con l’umanità, sebbene la “genetica” sia la motivazione principale riportata. 

La Terra, quindi, sembra rappresentare una “frontiera genetica strategica” tra extraterrestri che hanno “seminato” scientificamente la terra e altri extraterrestri con differenti programmi genetici.
Altre indicazioni visibili di apparente contatto extraterrestre nel DNA umano.
L’esistenza di diverse comunità etniche-razziali dell’umanità sulla Terra forse fornisce un aspetto più visibile delle comunità genetiche “extraterrestri (ET). Le tribù africane, tra cui Dogon, citano prove delle loro origini nelle razze di” creature soprannaturali. che scese dal cielo. ” 

comunità native canadesi, africane e di altre tribù.

Gli ex scienziati indicano che l ‘”etica” extraterrestre ha ispirato le filosofie orientate alla protezione ambientale delle comunità native canadesi, africane e di altre tribù. 


La conoscenza dei fatti astrologici all’interno di varie comunità tribali è associata a rivendicazioni di contatti extraterrestri molto prima dell’astronomia moderna, a conferma di scienziati con prove di contatti extraterrestri con il DNA umano.

Le tribù indigene nelle Americhe, in Africa e altrove abbracciano la spiritualità “animistica” nelle relazioni originali, spiritualmente e tecnologicamente avanzate di extraterrestri umani e altri che “seminarono” la terra.Apparentemente queste tribù furono ispirate dal costituente originale di extraterrestri umani e altri come guardiani della “Madre Terra” e per vivere in armonia ed equilibrio con la natura.

Poi vennero segnalazioni di manipolazione genetica e culturale da parte di interessi extraterrestri in competizione.
Ex scienziati suggeriscono che in seguito interventi extraterrestri sulla Terra hanno tentato di manipolare geneticamente gli esseri umani sulla Terra, tecnologicamente e ispirando dogmi religiosi disfunzionali e i rituali di accompagnamento.

Apparentemente questi extraterrestri hanno compiuto grandi azioni “per essere venerati come” dei “. Il passo successivo è stato segnalato come fornire la tecnologia per stabilire l’estrazione di oro e altre risorse minerali a questi esseri umani dalla Terra in modo che questi esseri gli umani potrebbero creare impressionanti strutture di culto religioso per questi “dei” extraterrestri.

Questa corruzione della spiritualità umana ancora più disfunzionale ha ispirato il materialismo grossolano. Questa apparente influenza è mostrata in strutture che includono le Grandi Piramidi, Templi e altre strutture religiose tra cui le chiese. Il lavoro del Dr. Salla e di altri ex scienziati attesta ancora questo ambiente. 

Indiani Hopi  "... Hopi Indians dagli Stati Uniti occidentali

Indiani Hopi  “… Hopi Indians (dagli Stati Uniti occidentali), parlano di come gli” Star Beings “possano viaggiare sui cieli in fasci di luce come il sole, ma nell’oscurità della notte. Storie come queste sono identiche a quelle che ho. ascoltato personalmente dai guaritori africani (Sciamano) chiaramente. Esattamente lo stesso scenario di prima che i missionari arrivassero sulla scena, era anche il luogo comune tra tutte le tribù e sciamani sul fatto che le nostre origini provenivano da “là fuori” … “.Riferimento: Netscientia.com

Queste strutture religiose sono diventate centri nella creazione di rituali e dogmi in competizione tra i diversi gruppi di culto “ET”.Queste strutture religiose divennero importanti centri nelle comunità, il fanatismo, a sua volta, fu coltivato dagli emissari d’élite degli “dei extraterrestri” dei manipolatori e fu usato con successo da un gruppo di umanità contro un altro.
Secondo una ricerca scientifica condotta dal Dr. Salla, è stato affermato che gli umani hanno manipolato la Terra con gruppi di ET di tecnologia avanzata per continuare a instillare un programma di controllo contro le élite disposte sulla Terra che sono state indottrinate da questi ” dei “. 

La creazione di tecnologia verrebbe anche usata per ispirare la creazione di armi da guerra, e queste guerre sarebbero combattute in nome di sistemi “religiosi” di difesa e, a loro volta, guidati da “divinità” extraterrestri che cercavano di “dividere e regnare”. Gli alieni manipolatori hanno cercato di creare falsi dei a loro immagine.
Lo scopo di questi “falsi dei” era quello di soffocare lo sviluppo di una coscienza collettiva tra gli umani della Terra basata su convenzioni fondamentali universali. “Sempre secondo la ricerca collaborativa di ex scienziati”, lo scopo di creare sistemi dogma Il religioso è stato progettato per installare piccoli odi e antagonismi che sopprimono le convenzioni di pace, amore e saggezza (che sono state attribuite al creatore del nostro universo) e che altrimenti avrebbero protetto gli umani della Terra dall’essere sfruttato come risorsa genetica globale. planetaria. ” 

Alcuni di questi extraterrestri, compresi apparentemente extraterrestri umani che si ribellarono alla spiritualità della comunità e all’etica del “libero arbitrio” degli extraterrestri umani originali che avevano “seminato” la terra, avrebbero semplicemente cercato di sfruttare la terra per le sue risorse minerali. Secondo i risultati ex scientifici del Dr. Salla, “Altri ribelli materialisti guidati da gruppi di lavoro di ET umani e altri umani vennero sulla Terra per avere esemplari utili da incorporare nei programmi di sperimentazione genetica”.   Apparentemente, extraterrestri socialmente consapevoli, secondo i risultati della ricerca del Dr. Salla in collaborazione con ex scienziati, “temendo le implicazioni della manipolazione genetica extraterrestre che ha influenzato gli umani della Terra a diventare barbari come Genghis Khan o Adolf Hitler. Questi” figli delle stelle “che hanno seminato l’umanità senza l’apparente conoscenza degli umani della Terra sono entrati in contatto, per aiutare l’apparente visione extraterrestre di” elevare e ispirare i potenziali socialmente creativi dell’umanità “.

Arte nativa canadese

Tuttavia, gli “alieni etici” secondo la rappresentazione dei contatti, hanno rispettato le rigide direttive comunitarie “galattiche” sulla non interferenza sulla Terra, inclusa la non esecuzione di “esperimenti genetici”. Tuttavia, ex scienziati indicano che i fenomeni ” Le circolari “sono un esempio lampante di prevalentemente” etici andromediani “che cercano di ispirare l’umanità sotto forma di messaggi nel crop circle.

Il DNA dell’uomo moderno sulla Terra ha quindi presumibilmente i ricordi genetici che sono associati alle origini dell’umanità nell’universo come parte di una diaspora di “oltre 130 miliardi di esseri umani”, e in seguito millenni di contatto biologico non coatto, e ha anche forzato la sperimentazione biologica con una miscela di extraterrestri.

Queste sono alcune delle intuizioni acquisite a seguito del lavoro pionieristico di alcuni diligenti ricercatori. Queste ricerche includono, tra l’altro, Francis Crick. 
Premio Nobel Dr. Francis Crick e contatto ET nel DNA umano a doppio filamento.

DNA a doppia elica illustrato in un libro del Dr. Francis Crick

DNA a doppia elica illustrato in un libro del Dr. Francis Crick.
Gli ex scienziati sono fortemente ispirati dal lavoro del Dr. Francis Crick. Nel suo libro Life Itself: Its Origins and Nature (1981), Crick – premio Nobel e co-fondatore della forma della molecola di DNA – affermava che una civiltà avanzata trasportava i semi della vita sulla Terra in un’astronave. 

Il premio Nobel Dr. Francis Crick, che postula un’origine extraterrestre della vita sulla Terra, non è il solo in questa visione all’interno della comunità scientifica. Nello stesso anno fu pubblicato (1981), Sir Fred Hoyle, autore di Life From Space, prese sostanzialmente la stessa posizione. Infatti in un articolo sulla rivista Nature di quest’anno, ha scritto:
“La probabilità di formare una vita inanimata della matrice è per un numero con 40.000 zeri … È abbastanza grande da seppellire Darwin e l’intera teoria dell’evoluzione.

Non vi era alcuna zuppa primordiale, né su questo pianeta né su nessun altro, e se l’inizio della vita non era casuale, dovevano quindi essere stati il ​​prodotto dell’intelligenza intenzionale. (Hoyle: 1981, 294: 148).
Il dottor Hoyle ha optato per una sorta di intelligenza panteistica che ha creato spore di vita in altre parti dell’universo, con queste spore che alla fine si spostano sulla Terra per iniziare la vita come la conosciamo. A causa della (e impressionante) enorme complessità della vita e dell’ovvio progetto che sta dietro – anche altri scienziati che sfidano la “scienza ufficiale”, sostenuta da élite politiche, stanno iniziando a sostenere questa conclusione. 

Leslie Orgel, uno dei pesi massimi nella ricerca sull’origine della vita, è anche registrato come un sostenitore di questa posizione scientifica (1982, pp. 149-152).
Come il problema del riscaldamento globale e il progressivo esaurimento dello strato di ozono, gli scienziati non dogmatici danno la colpa alle élite politiche per aver ignorato prove chiare di origini umane non terrene.

Il Dr. Francis Crick fu uno dei due scienziati che scoprirono la struttura del DNA durante gli anni 1950. Certamente una svolta importante nella storia della scienza, questo avvenne dopo lunghe ricerche e una grande condivisione di informazioni e conoscenze. Crick ha vinto il premio Nobel per il suo lavoro. Il Dr. Crick ha applicato gli stessi rigorosi standard disciplinari per le sue scoperte da origini extraterrestri.
Nel suo libro Life Itself, il Dr. Crick afferma che le creature di un altro sistema solare hanno portato i semi necessari per la vita ai pianeti senza vita, e grazie a questo tipo di intervento la vita è iniziata qui.

Lavoro vincitore del premio Nobel, il Dr. Crick è coerente con i risultati apparenti del “Professor Sam Chang” del Progetto Genoma Umano, a cui è stato accreditato il tentativo di rilasciare risultati scientifici sull’evidenza del contatto con extraterrestri nel DNA umano.

Rappresentazione exoscientifica delle origini dell’universo
Il Dr. Michael Salla e altri ricercatori associati fanno una rappresentazione extraterrestre del fatto che il nostro universo sia nato come espressione di “coscienza collettiva”. Il Dr. Michael Salla documenta specificamente che i “buchi neri” erano un punto di ingresso per gli esseri e le altre entità che si univano per generare il nostro universo. Inoltre, la documentazione ex scientifica del Dr. Salla indica anche che questi esseri e altre entità hanno cercato di ispirare “l’universo” all’esistenza come un “esperimento” basato sui principi del “libero arbitrio”. 

Cioè, tutti gli esseri e le altre entità sono rappresentati come se avessero cercato di far parte della genesi dell ‘”universo” senza alcuna coercizione. Si ritiene che la coscienza collettiva dell’universo si sia manifestata nei pensieri,sentimenti e sensazioni di Esseri, che hanno generato “l’universo”.Pertanto, l’universo si espanderebbe come espressione di questa coscienza.
Altre ricerche sui geni extraterrestri nel DNA umano sono state condotte da Zecharia Sitchin

scoperta che il genoma umano non contiene i previsti 100.000 - 140.000 geni

Umiliante era l’aggettivo prevalente usato dai team scientifici e dai media per descrivere la principale scoperta che il genoma umano non contiene i previsti 100.000 – 140.000 geni (i frammenti di DNA che producono aminoacidi e proteine ​​diretti), ma solo circa 30.000, poco più del doppio dei 13.601 geni della mosca della frutta e quasi il 50 percento in più rispetto ai nematodi: 19.098. 

Inoltre, non vi era praticamente alcuna unicità nei geni umani.Sono comparabili non al 95 percento presunto ma a quasi il 99 percento degli scimpanzé e al 70 percento del ratto. I geni umani, con le stesse funzioni, sono risultati identici ai geni di altri vertebrati, nonché a invertebrati, piante, funghi, lieviti.I risultati non solo hanno confermato l’esistenza di una fonte permanente di DNA sulla Terra, ma hanno anche permesso agli scienziati di seguire il processo evolutivo di come gli organismi più complessi si sono evoluti geneticamente dai più semplici, adottando i geni di una vita inferiore in ogni fase. creare una forma di vita più complessa, che culmina con l’Homo sapiens. 

La scoperta che rende il “prurito alla testa”. 
Fu qui, nel layout verticale, nella documentazione dell’evoluzione contenuta nei genomi umani e negli altri analizzati, che gli scienziati si imbatterono in un indovinello. La scoperta del consorzio pubblico che ha fatto il “graffio alla testa” è stata che il genoma umano contiene 223 geni che non hanno i predecessori necessari nell’albero genomico evolutivo.

In che modo l’umanità ha acquisito una manciata di geni enigmatici?
Nella progressione evolutiva dei batteri verso gli invertebrati (come i ceppi di lievito, i vermi, le mosche o le erbacce di senape che sono state decifrate) verso i vertebrati (ratti, scimpanzé) e infine gli umani moderni, questi 223 geni sono completamente assenti nelle prime fasi. invertebrati. Pertanto, gli scienziati possono spiegare la loro presenza nel genoma umano mediante il recente (a scala temporale evolutiva) probabile trasferimento orizzontale di batteri. 
In altre parole: in un periodo relativamente recente dell’evoluzione, gli esseri umani moderni hanno acquisito altri 223 geni non attraverso un’evoluzione graduale e non verticalmente sull’albero della vita, ma orizzontalmente, come inserzione laterale di materiale genetico batterico. 

Un’enorme differenza 
Ora, a prima vista, sembra che 223 geni non siano un grosso problema. Infatti, sebbene ogni gene faccia una grande differenza per ogni individuo, 223 geni fanno una differenza enorme per specie come la nostra. 
Il genoma umano è costituito da circa tre miliardi di nucleotidi (le lettere ACGT che rappresentano le iniziali dei quattro acidi nucleici che formano tutta la vita sulla Terra); di essi solo poco più dell’uno percento sono raggruppati in geni funzionali (ogni gene è composto da migliaia di “lettere”). La differenza tra un individuo e l’altro è di circa una lettera su mille nell’alfabeto DNA. 

La differenza tra uomo e scimpanzé è inferiore all’uno percento come geni; e l’uno percento di 30.000 geni è 300. 
Quindi i 223 geni rappresentano oltre i due terzi della differenza tra te, me e uno scimpanzé!
Un’analisi delle funzioni di questi geni attraverso le proteine ​​che enunciano, condotta dal team del Consorzio Pubblico e pubblicata sulla rivista Nature, mostra che includono proteine ​​coinvolte non solo in importanti funzioni fisiologiche ma anche psichiatriche. Inoltre, sono responsabili di importanti enzimi neurologici che derivano solo dalla porzione mitocondriale del DNA del cosiddetto “DNA di Eva” che l’umanità ha ereditato solo attraverso la madre primordiale, fino a una sola Eva.

Questa conclusione solleva solo dubbi sulla spiegazione dell ‘”inserimento batterico”. 
Una questione della massima importanza 
A meno che la ricerca scientifica non possa ancora stabilire al di là di ogni dubbio che l’unica possibile fonte di geni extra è in realtà i batteri e, in caso contrario, determina anche che l’infezione (trasferimento orizzontale) è passata dai batteri all’uomo e non dall’uomo ai batteri, l’unica altra soluzione disponibile che sarà offerta dai testi sumerici millenni fa. 
Fino ad allora, gli enigmatici 223 geni alieni rimarranno un’alternativa e una conferma della scienza moderna delle civiltà extraterrestri e della loro apparente partecipazione alla genetica del genoma umano. 

The Shaky Theory 
Quanto sono sicuri gli scienziati che geni così importanti e complessi, con immenso vantaggio umano, sono stati ottenuti da noi – e recentemente – per gentile concessione dell’infezione da batteri?
È un salto che non segue le teorie evolutive, ha affermato Steven Scherer, direttore della mappatura del Human Genome Sequencing Center, Baylor College of Medicine. 

Non abbiamo identificato una fonte batterica fortemente preferita per i probabili geni trasferiti in orizzontale, afferma il rapporto sulla rivista Nature. Il team del Consorzio Pubblico, conducendo ricerche dettagliate, ha scoperto che circa 113 geni (su 223) sono comuni tra i batteri e che sono completamente assenti anche negli invertebrati.Un’analisi delle proteine ​​espresse dal gene enigmatico ha mostrato che su 35 identificati, solo 10 avevano omologhi vertebrati (che vanno dalle mucche ai roditori ai pesci); 25 di 35 erano unici per l’uomo. 
Non è chiaro se il trasferimento fosse da batteri a umani o da umani a batteri, ha affermato Robert Waterson, condirettore del Genome Sequencing Center dell’Università di Washington.
Ma se l’uomo ha dato i geni ai batteri, da dove ha preso questi geni per cominciare? Zecharia Sitchin conclude che il genoma umano è stato manipolato dagli alieni.

Commenta su facebook