Giovane scienziato alla ricerca di segni extraterrestri in una strana stella

Giovane scienziato ricerca vita aliena su una stella Boyajian

La stella Boyajian, conosciuta anche come Tabby o KIC 8462852, divenne popolare nel 2015 quando il suo strano comportamento portò alcuni scienziati a considerarla una possibile mega-struttura aliena poiché la sua luminosità sembrava aumentare e diminuire col tempo.

Da allora, diversi telescopi hanno osservato il comportamento della stella per capire meglio cosa sta succedendo lì.

Chi si innamorò di questa strana stella era il giovane David Lipman, che nel 2015, a soli 15 anni, iniziò ad analizzare i dati pubblici offerti dal telescopio APF (Automated Planet Finder), Lich Observatory in California, Stati Uniti.

Al momento, Lipman era al terzo anno di scuola superiore e decise di studiare la stella come parte di un progetto di scienze scolastiche. I dati a cui il giovane adolescente ha avuto accesso fa parte della ricerca di Breaktrought Listen, che cerca segnali radio e trasmissioni laser in varie galassie per cercare di trovare una vita intelligente.

“Ho scritto un algoritmo che analizza tutti gli spettri registrati da Breaktrough Listen. Sto cercando segnali laser dai candidati “, ha spiegato David Lipman in un’intervista a Lich. Il suo lavoro alla fine attirò l’attenzione degli scienziati della zona, e fu invitato a praticare durante la pausa estiva a Breaktrough Listen.

“[David] ha rapidamente familiarizzato con molti dei materiali di base, tanto che il team è stato in grado di parlare con lui ad un livello molto tecnico del lavoro che stava facendo”, ha dichiarato Steve Croft, scienziato dell’Università della California.

“La maggior parte degli studenti dell’età di David che lavorano con problemi scientifici si occupano di problemi in cui la risposta corretta è nell’ultima pagina del libro. In confronto, David sta facendo qualche ricerca originale che ci sta aiutando ad avanzare nella nostra capacità di rispondere a una delle più grandi domande della scienza: siamo soli nell’universo? ”

David cercò qualsiasi segnale laser che potesse indicare una comunicazione tra alieni o eliche di navi. Per il momento, non vi è alcun segno di vita aliena lì, ma i risultati del suo lavoro, fatto in collaborazione con altri scienziati, sono stati accettati per la pubblicazione nella rivista scientifica Publications of the Astronomical Society of the Pacific e sono disponibili in anteprima a arXiv.org.

David Lipman è attualmente al suo primo anno di istruzione superiore alla Princeton University. Il giovane ha in programma di laurearsi in fisica, dimostrando un grande interesse per l’apprendimento automatico e le reti neurali artificiali.

Commenta su facebook