I creatori del mondo sono più vicini agli uomini che agli dei


La discussione sul fatto che l'universo abbia un creatore e chi possa essere è tra le più antiche della storia umana.
Ma nel bel mezzo di violente discussioni tra credenti e scettici, una possibilità è stata quasi ignorata: l'idea che l'universo intorno a noi sia stato creato da persone molto simili a noi, utilizzando dispositivi non dissimili da quelli a disposizione degli scienziati oggi.
Come per molte altre cose nella fisica moderna, l'idea implica l'accelerazione delle particelle, il genere di cose che si verificano nel Large Hadron Collider in Svizzera.
Prima che l'LHC iniziasse a operare, alcuni allarmisti temevano che potesse creare un buco nero che avrebbe distrutto il mondo. Questo non è mai stato nelle carte: sebbene sia possibile che il dispositivo possa generare un buco nero artificiale, sarebbe troppo piccolo per inghiottire un atomo, figuriamoci la Terra.
Tuttavia, per creare un nuovo universo ci vorrebbe una macchina solo un po 'più potente dell'LHC e ci sono tutte le possibilità che il nostro universo possa essere stato prodotto in questo modo.

Large HHC Hadron Collider

Ciò è possibile per due ragioni. In primo luogo, i buchi neri possono – come ben sanno gli appassionati di fantascienza – fungere da gateway per altre regioni dello spazio e del tempo. In secondo luogo, a causa del curioso fatto che la gravità ha energia negativa, non ci vuole energia per creare un universo. Nonostante la colossale quantità di energia contenuta in ogni atomo di materia, è precisamente bilanciata dalla negatività della gravità.
Inoltre, i buchi neri sono relativamente facili da creare. Per qualsiasi oggetto esiste un raggio critico, chiamato raggio di Schwarzschild, in cui la sua massa formerà un buco nero. Il raggio di Schwarzschild dal Sole è di circa due miglia, 1 / 200.000º della sua larghezza attuale; perché la Terra diventi un buco nero, dovrebbe essere compressa in una palla con un raggio di un centimetro.
I buchi neri che potrebbero essere creati in un acceleratore di particelle sarebbero molto più piccoli: minuscole masse compresse in volumi incredibilmente piccoli. Ma, a causa dell'energia negativa della gravità, non importa quanto piccoli siano questi buchi: hanno ancora il potenziale per gonfiarsi ed espandersi nelle proprie dimensioni (invece di inghiottire le nostre).
Questa espansione è stata esattamente ciò che il nostro universo ha fatto nel Big Bang, quando è esploso improvvisamente da un minuscolo ammasso di materia in un cosmo completo.
Alan Guth del Massachusetts Institute of Technology è stato il primo a proporre l'idea ora ampiamente accettata dell'inflazione cosmica: che il punto di partenza del Big Bang era molto più piccolo e la sua espansione molto più veloce di quanto si pensasse in precedenza. Ha studiato gli aspetti tecnici della "creazione di universi in laboratorio" e ha concluso che le leggi della fisica, in linea di principio, lo rendono possibile.
La grande domanda è se questo sia già accaduto: il nostro universo è un universo di designer? Con questo non intendo una figura di Dio, un "designer intelligente" che monitora e plasma tutti gli aspetti della vita.

L'evoluzione per selezione naturale e tutti gli altri processi che hanno prodotto il nostro pianeta e la vita su di esso sono sufficienti per spiegare come siamo diventati ciò che siamo, date le leggi della fisica che operano nel nostro universo.
Tuttavia, c'è ancora spazio per un progettista intelligente di universi nel suo insieme. La fisica moderna suggerisce che il nostro universo è uno tra i tanti, parte di un "multiverso" in cui diverse regioni dello spazio e del tempo possono avere proprietà diverse (la forza di gravità può essere più forte in alcuni e più debole in altri).
Se il nostro universo è stato creato da una civiltà tecnologicamente avanzata in un'altra parte del multiverso, il progettista potrebbe essere stato responsabile del Big Bang, ma niente di più.
Se questi progettisti creano universi creando buchi neri – l'unico modo per farlo che sappiamo – ci sono tre livelli a cui possono operare. Il primo è solo quello di produrre buchi neri, senza influenzare le leggi della fisica nel nuovo universo.
L'umanità è quasi a questo livello, che il romanzo Cosm di Gregory Benford inserisce in un contesto divertente: una ricercatrice americana si ritrova, dopo un'esplosione in un acceleratore di particelle, con un nuovo universo tra le mani, delle dimensioni di una palla da baseball .
Il secondo livello, per una civiltà leggermente più avanzata, implicherebbe spingere le proprietà degli universi nascenti in una certa direzione. Potrebbe essere possibile regolare i buchi neri in modo che la forza di gravità sia leggermente più forte che nell'universo originale, senza che i progettisti siano in grado di dire esattamente quanto sia più forte.
Il terzo livello, per una civiltà molto avanzata, implicherebbe la capacità di definire parametri precisi, proiettandoli in dettaglio. Un'analogia sarebbe con i bambini ingegnerizzati: invece di manomettere il DNA per avere un bambino perfetto, uno scienziato può manomettere le leggi della fisica per ottenere un universo perfetto.
Fondamentalmente, tuttavia, non sarebbe possibile in nessuno di questi casi – anche al livello più avanzato – che i designer interferiscano negli universi del bambino dopo la laurea. Dal momento del suo Big Bang, ogni universo sarebbe da solo.
Può sembrare un'esagerazione, ma ciò che sorprende di questa teoria è la probabilità che accada – e che sia già successo. Tutto ciò che serve è che l'evoluzione avvenga naturalmente nel multiverso finché in almeno un universo l'intelligenza raggiunge approssimativamente il nostro livello.
Da quel punto di partenza, i progettisti intelligenti creano universi sufficienti adatti all'evoluzione che derivano dai loro universi che universi come il nostro (in altre parole adatti alla vita intelligente) proliferano rapidamente, con universi "non intelligenti" che diventano piccoli frazione dell'intero multiverso. Pertanto, diventa estremamente probabile che qualsiasi universo, compreso il nostro, sia progettato anziché "naturale".
Sebbene l'intelligenza necessaria per svolgere il lavoro possa essere (leggermente) superiore alla nostra, è di un tipo certamente simile alla nostra piuttosto che a quella di un Dio infinito e incomprensibile.
E la ragione più probabile per cui questa intelligenza crea universi è la stessa che fare cose come scalare montagne o studiare la natura delle particelle subatomiche, perché possiamo. Una civiltà che ha la tecnologia per creare universi baby troverebbe sicuramente la tentazione irresistibile.
E se le intelligenze fossero simili alle nostre, ci sarebbe una tentazione travolgente ai più alti livelli di progettazione dell'universo di migliorare i risultati.
Questa idea fornisce la migliore soluzione al puzzle che Albert Einstein usò per sollevare che "la cosa più incomprensibile dell'Universo è che è comprensibile". L'universo è comprensibile alla mente umana perché è stato progettato almeno in una certa misura da esseri intelligenti con menti simili alla nostra.
Il grande astronomo britannico Fred Hoyle suggerì che le leggi della fisica erano così esclusivamente favorevoli all'esistenza umana che l'universo doveva essere "Lavoro di confezionamento". Credo che avesse ragione: l'universo è stato infatti creato per fornire una casa per la vita anche se si è evoluto attraverso un processo di selezione naturale senza bisogno di interferenze esterne. Non è che l'uomo sia stato creato a immagine di Dio, al contrario, il nostro universo è stato creato più o meno a immagine dei suoi creatori.
Autore: Dr. John Gribbi, ricercatore in visita in astronomia presso l'Università del Sussex e autore di "In Search of the Multiverse"
Un altro post di: UFO ONLINE
Guarda il video qui sotto:

Commenta su facebook

Lascia un commento