Il professore di Harvard dice che gli alieni sono venuti a trovarci nel 2017 e c'è molto altro in arrivo


Quando il primo segno di vita intelligente ci visiterà dallo spazio, non sarà un disco gigante sospeso su New York City. Molto probabilmente sarà la spazzatura di una civiltà extraterrestre.
Avi Loeb, presidente del dipartimento di astronomia di Harvard, crede di aver già trovato un po 'di questa spazzatura.
Nel tuo prossimo libro, "Extraterrestre: il primo segno di vita intelligente oltre la Terra" (Houghton Mifflin Harcourt), lanciato il 26 gennaio, il professore presenta un caso convincente del perché un oggetto che è entrato di recente nel nostro sistema solare non era solo un'altra roccia ma in realtà un pezzo di tecnologia aliena.
L'oggetto in questione ha viaggiato verso il nostro sistema solare dalla direzione di Vega, una stella distante circa 25 anni luce e ha intercettato il piano orbitale del nostro sistema solare il 6 settembre 2017.
Il 9 settembre, la sua traiettoria lo ha portato più vicino al sole. Alla fine di settembre è esplosa a circa 58.900 miglia orarie oltre la distanza orbitale di Venere e il 7 ottobre ha attraversato la Terra prima di "spostarsi rapidamente verso la costellazione di Pegaso e l'oscurità al di là", scrive Loeb nel libro.
L'oggetto è stato avvistato per la prima volta da un osservatorio alle Hawaii contenente il telescopio panoramico e il sistema di risposta rapida (Pan-STARRS), il telescopio con la più alta definizione al mondo.
L'oggetto spaziale è stato soprannominato "Oumuamua (pronunciato" oh moo ah moo ah "), che significa hawaiano – più o meno -" pastella ".
Per i viaggiatori spaziali, era relativamente piccolo, lungo appena 100 metri, ma era un grande affare per la comunità scientifica.
Per cominciare, è stato il primo oggetto interstellare ad essere rilevato all'interno del nostro sistema solare. A giudicare dalla traiettoria dell'oggetto, gli astronomi hanno concluso che non era limitato dalla gravità del Sole, suggerendo che si stesse semplicemente attraversando.
Non è stato possibile scattare un'immagine chiara, ma gli astronomi sono stati in grado di addestrare i loro telescopi sull'oggetto per 11 giorni raccogliendo risme di altri dati.
All'inizio, gli scienziati pensavano che fosse una cometa comune. Ma Loeb ha detto che l'assunzione rischia di permettere "al parente di definire ciò che possiamo scoprire".
“Cosa succederebbe se un uomo delle caverne vedesse un telefono cellulare? "Ha chiesto." Ha visto rocce per tutta la vita e avrebbe pensato che fossero solo una roccia lucente. "
Loeb aprì rapidamente la sua mente a un'altra possibilità: non era una cometa, ma una tecnologia abbandonata da una civiltà aliena.
Una serie di proprietà insolite sull'oggetto ha aiutato Loeb a raggiungere questa conclusione.
Prima le dimensioni di Oumuamua.
Gli astronomi hanno osservato il modo in cui l'oggetto rifletteva la luce solare. La sua luminosità variava dieci volte ogni otto ore, suggerendo che questo era il tempo necessario per completare una rotazione completa.
Gli scienziati hanno concluso che l'oggetto era almeno da cinque a dieci volte più lungo di quanto fosse largo, proprio come la forma di un sigaro.
Nessun corpo spaziale naturale che abbiamo mai visto sembrava o addirittura vicino.
"Questo renderebbe la geometria di Oumuamua almeno un paio di volte più estrema in termini di proporzioni – o larghezza in relazione all'altezza – rispetto agli asteroidi o alle comete più estremi che abbiamo mai visto", ha scritto Loeb nel suo libro.
Inoltre, "Oumuamua è stato eccezionalmente brillante. Era almeno "dieci volte più riflettente degli asteroidi o delle comete nel (pietroso) sistema solare", scrive l'autore.
Assimila la sua superficie a quella di un metallo lucido.
Ma l'anomalia che veramente spinse Loeb verso la sua ipotesi extraterrestre era il modo in cui "Oumuamua si stava muovendo.
"Pressione eccessiva lontano dal sole – questo è ciò che ha rotto la schiena del cammello", ha detto.
Usando la fisica, gli scienziati possono calcolare il percorso esatto che un oggetto deve prendere e la velocità alla quale deve muoversi a causa della forza gravitazionale esercitata dal sole. L'attrazione del sole accelera notevolmente un oggetto mentre si avvicina e poi lo spinge dall'altra parte solo in modo che l'oggetto diminuisca considerevolmente mentre si allontana.
Ma "Oumuamua non ha seguito questa traiettoria calcolata". L'oggetto, infatti, ha accelerato "leggermente ma in modo statisticamente molto significativo" scrive Loeb allontanandosi dal sole.
In altre parole, era chiaramente spinto da una forza diversa dalla sola gravità del sole.
All'inizio la spiegazione sembrava semplice. Le comete mostrano un'accelerazione simile perché quando il sole si avvicina alla sua superficie si riscalda, rilasciando gas precedentemente congelati che agiscono come un motore a razzo.
Questi materiali rilasciati tuttavia formano la coda distintiva di una cometa. Gli scienziati hanno cercato attentamente questa coda o qualsiasi segno di gas o polvere che potesse spingere "Oumuamua" e arrivare vuoto.
Loeb ha calcolato che con queste e altre anomalie, la probabilità che Oumuamua fosse una cometa casuale era di circa una su un quadrilione, portandolo alla sua ipotesi di successo.
Ma di cosa si trattava esattamente?
Una possibilità un po 'strana potrebbe essere trovata nella tecnologia che abbiamo già qui sulla terra.
Circa 400 anni fa, l'astronomo Johannes Kepler osservò le code delle comete soffiare in quella che sembrava essere una brezza solare e si chiese se quella stessa forza potesse spingere i razzi nello spazio mentre il vento spinge le navi in ​​aria. 'Acqua.
Era un'idea intelligente che gli scienziati stanno ora usando per sviluppare candele sonda leggere. Un sottile foglio riflettente viene impiantato nello spazio per catturare le particelle che sfuggono al sole, spingendo una nave ad alta velocità attraverso il vuoto. In alternativa, potenti laser terrestri possono essere diretti alla vela per renderla ancora più veloce.
Loeb, che è coinvolto in un progetto di barca a vela per inviare una piccola navicella spaziale senza equipaggio a una stella vicina, ha detto che se noi terrestri avessimo pensato all'idea perché gli alieni non avrebbero potuto?
Lui e un collega hanno analizzato i numeri e hanno ipotizzato che "Oumuamua non avesse realmente la forma di un sigaro ma forse un disco spesso meno di un millimetro con proporzioni a forma di sigaro. Velo che spiegherebbe la sua insolita accelerazione lontano dal sole .
Quanto al suo scopo, Loeb non è sicuro. Ha ipotizzato che potrebbe essere "spazzatura spaziale" che un tempo serviva da boa per la navigazione spaziale usata da un'antica civiltà.
"L'unico modo per cercare (civiltà extraterrestri) è perquisire la tua spazzatura come i giornalisti investigativi che guardano la spazzatura delle celebrità", ha detto Loeb.
Naturalmente, non tutti nella comunità scientifica sono d'accordo con la tua teoria.
Nel luglio 2019, il team di Oumuamua dell'Istituto internazionale di scienze spaziali ha pubblicato un articolo finale su Nature Astronomy: "Oumuamua. "
Loeb ammette che le sue teorie hanno sollevato le sopracciglia tra gli astronomi, ma è costante nelle sue scoperte. "Alcune persone non vogliono discutere la possibilità che ci siano altre civiltà", ha detto al Post. “Credono che siamo speciali e unici. Penso che questo sia un pregiudizio che deve essere abbandonato. "
Loeb ha detto che gli scettici si piegano ad attribuire le origini naturali dell'oggetto e che le spiegazioni che hanno dato per le sue strane proprietà non possono resistere a un attento esame.
Ad esempio, alcuni scienziati hanno suggerito che "l'accelerazione di Oumuamua è stata causata dall'idrogeno congelato sulla sua superficie che si è trasformato in gas e lo ha guidato come una cometa e l'idrogeno sarebbe stato invisibile alle telecamere. Il motivo dell'infrarosso terrestre per cui non l'abbiamo rilevato …
Ma Loeb e un collega hanno pubblicato un articolo che mostra che "un iceberg dell'idrogeno che viaggia attraverso lo spazio interstellare evaporerebbe molto prima di raggiungere il nostro sistema solare".
Qualunque sia la verità, la posta in gioco è alta.
L'accettazione che una razza aliena sia entrata in contatto, anche attraverso la sua spazzatura, innescherebbe una seria ricerca di altra spazzatura facendoci vagare per la Luna e Marte, ad esempio, alla ricerca di detriti che potrebbero essere caduti lì. ha migliaia o milioni di anni …
E se vengono trovate ulteriori prove, noi terrestri dovremmo iniziare a costruire strumenti per aiutarci a combattere gli alieni, come i trattati spaziali e campi accademici come l'astrolinguistica e l'astroeconomia.
Ma, cosa forse più importante, qualsiasi nuova scoperta potrebbe ridefinire il nostro posto nell'universo.
"Ci metterebbe in prospettiva", ha detto Loeb. “Se non siamo soli, siamo i bambini più intelligenti del quartiere? Se ci fosse una specie che si è estinta con la guerra o cambiando il clima, possiamo agire insieme e comportarci meglio. Invece, stiamo sprecando molte risorse sulla Terra combattendoci a vicenda e altre cose negative che sono un grande spreco. "
Dall'apparizione di Oumuamua, un secondo oggetto interstellare noto come 2I / Borisov è stato avvistato entrare nel sistema solare da un telescopio della Crimea nel 2019. Ma si è rivelato essere una semplice cometa antica.
Fino a poco tempo, i nostri strumenti non erano abbastanza sensibili da catturare questo tipo di visitatori. Ma Loeb ha detto che la tecnologia presto renderà possibile individuare più viaggiatori spaziali e l'unico modo per risolvere il mistero di Oumuamua è se un oggetto simile viene trovato e ulteriormente indagato con una sonda.
Ha detto che il suo libro "dovrebbe motivare le persone a raccogliere più dati sul prossimo oggetto che sembra strano".
"Se ne troviamo un altro e facciamo una foto e sembra una barca a vela, non credo che nessuno lo contesterebbe."
Un altro post di: UFO ONLINE
Guarda il video qui sotto:

Commenta su facebook

Lascia un commento