Il professore di Harvard e la NASA temono un impatto di asteroidi

La NASA è venuta fuori con urgenza per mettere in guardia contro il pericolo apocalittico di una imminente collisione di asteroidi – ma un professore di Harvard teme una minaccia ancora più imminente.


Il capo dell’astronomia della prestigiosa Ivy League, Avi Loeb, ha dichiarato a Express.co.uk: “Il rischio immediato è più lesioni autoinflitte. La possibilità che il clima cambierebbe a causa dell’attività umana. E se non agiamo insieme, possiamo ucciderci.
“E poi ci dobbiamo preoccupare prima, credo.”
Ma la corsa per la distruzione dell’umanità sembra essere in fase di riscaldamento, come l’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha avvertito che la Terra dovrebbe essere preparata per una collisione di asteroidi.
Parlando alla Conferenza sulla Difesa Planetaria dell’Accademia Internazionale di Astronautica, ha detto: “Vorrei poter dire che questi eventi sono eccezionalmente unici … ma non lo sono”.
“Dobbiamo assicurarci che le persone capiscano che non si tratta di Hollywood, non si tratta di film.

Il professor Avi Loeb ha avvertito che un'apocalisse

Il professor Avi Loeb ha avvertito che un’apocalisse autoinflitta era più probabile dell’impatto di un asteroide


“Questo fondamentalmente sta proteggendo l’unico pianeta che conosciamo, ora, per ospitare la vita e questo è il pianeta Terra”.
Bridenstine ha utilizzato l’esempio dell’evento di Chelyabinsk nel 2013, in cui una meteora di circa 65 piedi di diametro è entrata nell’atmosfera terrestre sopra la Russia.
L’enorme esplosione che ha creato quando è entrata, ha ferito più di 1.500 persone, per lo più rompendo finestre, e danneggiato oltre 7.000 edifici.
Statisticamente, eventi meteorici di queste dimensioni si verificano una volta ogni 60 anni, ma Bridenstine ha sottolineato che ci sono stati tre incidenti del genere negli ultimi 100 anni.
Ha aggiunto: “Dobbiamo utilizzare i nostri sistemi, utilizzare le nostre risorse per ottenere in definitiva molti più dati e dobbiamo farlo più velocemente.
“Sappiamo che i dinosauri non avevano un programma spaziale.Ma lo facciamo e dobbiamo usarlo. “
La NASA è stata guidata dal governo degli Stati Uniti per rilevare e monitorare il 90% degli oggetti vicini alla Terra a 460 piedi o più.
Ma ci sono circa 25.000 oggetti in questa categoria, e l’agenzia ha catalogato solo circa un terzo di questi fino ad ora.fonte

Commenta su facebook