La nuova religione americana degli UFO

loading…


La scorsa settimana, il New York Times ha pubblicato un articolo virale sui rapporti degli UFO al largo della costa orientale nel 2014 e 2015. Ha incluso un’intervista con cinque piloti della Marina che hanno visto, e in alcuni casi registrato, oggetti volanti misteriosi con “nessun motore visibile o pennacchi di scarico a infrarossi “che sembravano” raggiungere 30.000 piedi e velocità ipersoniche “.

Nessuno è abbastanza sicuro di ciò che hanno visto, ma gli avvistamenti sono sorprendenti. E fanno parte di un crescente fascino per la possibilità di una vita aliena intelligente.

Secondo Diana Pasulka, professore all’Università della Carolina del Nord e autrice del nuovo libro American Cosmic , la credenza negli UFO e negli extraterrestri sta diventando una specie di religione – e non è così friabile come si potrebbe pensare.

Più della metà degli adulti americani e oltre il 60% dei giovani americani credono nella vita extraterrestre intelligente.Questo segue da vicino credendo in Dio , e se Pasulka ha ragione, non è un incidente.

Il suo libro non è tanto sulla verità degli UFO o degli alieni quanto su ciò che l’appello della fede in queste cose dice sulla nostra cultura e sui ruoli mutevoli della religione e della tecnologia in esso contenuti. In apparenza, è un libro sulla popolarità della fede negli alieni, ma è davvero uno sguardo profondo su come i miti e le religioni sono creati in primo luogo e su come gli esseri umani affrontano esperienze inspiegabili.

Segue una trascrizione leggermente modificata della mia conversazione con Pasulka.

Sean Illing

Descrivi la credenza negli UFO e negli alieni come l’ultima manifestazione di un impulso molto antico: un impulso religioso. Di cosa parlano gli extraterrestri che catturano così tante persone?

Diana Pasulka

Un modo in cui possiamo dare un senso a ciò usando una definizione della religione molto antica ma funzionale come semplicemente la credenza in esseri intelligenti non umani e soprannaturali che spesso discendono dal cielo. Ci sono molte definizioni di religione, ma questa è piuttosto standard.

C’è un’altra distinzione nel credere nell’intelligenza extraterrestre non umana, o negli abitanti degli UFO, che la rende distinta dai tipi di religioni con cui siamo più familiari. Io sono uno storico del cattolicesimo, per esempio, e quello che trovo quando interagisco con le persone nelle comunità cattoliche è che hanno fede che Gesù ha camminato sull’acqua e che le apparizioni della Vergine Maria erano vere.

Ma c’è qualcosa di diverso nella narrativa UFO. Qui abbiamo persone che sono scienziati reali, come Ellen Stofan , l’ex capo scienziato della NASA, che sono disposti ad andare in TV e fondamentalmente fanno annunci come “Stiamo andando a trovare la vita extraterrestre”. Ora, lei non sta esattamente parlando di vita extraterrestre intelligente , ma non è così che molte persone la interpretano.

Dice che troveremo la vita, troveremo pianeti abitabili e cose del genere. In questo modo questo tipo di religiosità è un morso molto più potente delle religioni tradizionali, basate sulla fede in cose invisibili e irremovibili.

Ma la convinzione che gli UFO e gli alieni siano potenzialmente vere e potenzialmente dimostrabili, rende questa narrativa univocamente potente per le persone che ci credono.

È giusto definirlo una nuova forma di religione? Credo di si.

Sean Illing

Entreremo sicuramente nei paralleli religiosi, ma prima voglio chiarire alcune idee sbagliate sulla natura di queste credenze e sulle persone dietro di loro. Parlami del “Invisible College”. Chi sono queste persone e cosa stanno facendo?

Diana Pasulka

Il “Invisible College” è una vecchia idea che viene dal filosofo britannico Francis Bacon del XVII secolo e che intendeva descrivere il lavoro degli scienziati che sfidavano le credenze contemporanee della chiesa.

C’erano due incredibili scienziati moderni, Allen Hynek e Jacques Vallée, che resuscitarono l’idea. Hynek è scomparso nel 1986, ma è in realtà il protagonista della serie Project Blue Book di History Channel . Vallée è ancora qui, è un astronomo e un informatico che ha lavorato su ARPANET, che era il precursore militare di Internet.

Fondamentalmente, Hynek e Vallée si autoproclamarono “l’Invisible College” quando iniziarono a credere che le cose che stavano indagando fossero in qualche modo extraterrestri o interdimensionali. Facevano parte di un gruppo di scienziati che si conoscevano a vicenda ma non erano noti al grande pubblico e che inseguivano silenziosamente questa ricerca nel loro tempo libero.

Sean Illing

Sembra … strano.

Diana Pasulka

Bene, è strano Non mi aspettavo di affrontarlo quando ho iniziato il mio libro. In effetti, ho quasi fermato il mio libro un numero di volte perché pensavo che fosse così strano.Ho iniziato questo progetto come un ateo che non è mai stato veramente interessato agli UFO o agli alieni.

Così, una volta iniziato a impegnarmi con gli scienziati che stavano facendo questo lavoro, che credevano nella realtà dell’intelligenza extraterrestre, che credevano di essere una tecnologia di ingegneria inversa rispetto a quello che loro sostenevano essere un velivolo alieno, ero sbalordito.

Quello che è strano oggi è che questi scienziati non parlano realmente tra loro come hanno fatto, diciamo, negli anni ’70.Ora sono molto più compartimentati e preoccupati di attirare troppa attenzione o di avere la loro ricerca distorta, quindi lavorano nell’ombra e per lo più indipendentemente.

Ho incontrato cinque o sei di loro, ognuno dei quali sta lavorando su cose diverse. E queste sono tutte persone estremamente istruite che hanno posizioni prestigiose in agenzie credibili o istituti di ricerca.

Sean Illing

Puoi darmi un’idea del tipo di persone di cui parli e del tipo di posizioni che occupano?

Diana Pasulka

Uno degli scienziati che ho incontrato, che ho chiamato Tyler nel libro, ha lavorato alla maggior parte delle missioni dello space shuttle, e ha fondato società di biotecnologia per diversi milioni di dollari. Un altro scienziato, che chiamo James, è una cattedra di scienza in una delle migliori università della nazione, e ha almeno due laboratori sotto il suo controllo.

Quindi questi sono i tipi di persone con cui ho interagito – e dicono quello che vuoi delle loro convinzioni e delle loro ricerche, non possono essere liquidati come non seri o ignoranti.

Sean Illing

Ammetti nel libro di sperimentare uno “shock epistemologico” per la tua comprensione del mondo dopo aver letto questa letteratura e impegnato con gli scienziati e i credenti dietro al movimento.Ti hanno convinto che c’è qualcosa qui?

Diana Pasulka

Non mi definirei più ateo, ma non direi nemmeno che sono un credente. Non credo che ci siano extraterrestri. Direi, tuttavia, che questi scienziati hanno scoperto qualcosa di veramente anomalo, ma non sono nella posizione di dire di cosa si tratta o da dove proviene.

Tutto ciò che posso dire è che sono rimasto scioccato nello scoprire il livello di indagine scientifica sulla vita extraterrestre. Ho pensato che stavo per intervistare persone che hanno appena visto queste cose e stavo per dire sostanzialmente, beh, sai, questa è la nuova struttura per credere negli alieni e negli UFO.

Non avevo idea che esistessero effettivamente persone nelle migliori università che studiavano queste cose da sole, che c’era un’intera rete sotterranea di persone che facevano lo stesso lavoro, e che c’era molto di più a questo rispetto alla maggior parte della gente immagina.

Da quando i giornalisti Helene Cooper, Leslie Kean e Ralph Blumenthal hanno pubblicato due articoli sul New York Times, uno a dicembre 2017 e il secondo la settimana scorsa , concentrandosi sul coinvolgimento dei militari in programmi associati agli UFO e ai materiali degli UFO, c’è stato un sacco di interesse pubblico in materia, anche tra i miei colleghi che erano soliti deridere la nozione.

Sean Illing

Cosa ti ha scioccato, esattamente?

Diana Pasulka

Poco dopo aver iniziato a lavorare su questo libro, ho iniziato a ricevere richieste da scienziati interessati a parlare con me in modo specifico, di persona, su ciò che stavo scrivendo. Francamente, all’inizio ero molto diffidente nei miei confronti e non volevo impegnarmi.

Ma uno degli scienziati che ho menzionato un minuto fa, Tyler, mi ha chiesto se sarei andato con lui in un posto nel New Mexico. Tyler è uno scienziato dei materiali ed è stato coinvolto nel programma dello space shuttle quasi per tutta la sua vita. La posizione in cui voleva portarmi era una specie di ground zero per la religione UFO. Ho detto che sarei andato se potessi portare qualcuno, così ho portato un mio collega che è uno scienziato molecolare.

Quindi andiamo in New Mexico e Tyler ci porta su questo sito con gli occhi bendati, il che era molto strano ma faceva parte del nostro accordo. Non voleva che sapessimo dove eravamo esattamente. Ma noi andiamo là fuori e troviamo effettivamente alcune cose che sono piuttosto strane, e le prendiamo e le studiamo più da vicino.

Ora, il retroscena qui risale agli anni ’40 e alla mitologia di Roswell, nel New Mexico, come il presunto sito di vari incidenti UFO. Il posto in cui siamo andati non era Roswell, ma era vicino.Ad ogni modo, ciò che abbiamo trovato era innegabilmente strano, e ancora non capisco cosa fosse o come sia arrivato lì.

Devo dire, però, mi ha dato una seria pausa.

Sean Illing

Puoi descrivere cosa hai trovato? Che aspetto aveva?Perché era così strano?

Diana Pasulka

È molto difficile da descrivere.Uno dei materiali, una specie di lega metallica, sembrava una pelle di rana metallica. C’era un altro materiale che abbiamo trovato, ma Tyler mi ha chiesto di non descriverlo pubblicamente o nel libro. Ma se stai cercando un contesto più ampio sul tipo di materiali che abbiamo trovato, puoi leggere la storia del New York Times pubblicata nel 2017.

Sean Illing

Una spiegazione è che questo pezzo di presunto relitto alieno è stato piantato lì da Tyler.

Diana Pasulka

Nessuna domanda. Apro il libro con questa storia e non concludo mai se sia vero o no, se sia stato piantato o no. Il mio lavoro come studioso di religione non è quello di determinare se le credenze religiose sono vere; Sono interessato agli effetti della credenza stessa.

Ma per quanto riguarda le prove che abbiamo trovato, odio essere equivoco al riguardo, ma sinceramente non so ancora cosa fosse. Non riesco a spiegarlo. Il materiale che abbiamo scoperto e gli altri elementi di prova che sono emersi, sono veramente anomali, e questo è il massimo che possiamo dire al riguardo.

Gli alieni esistono realmente?Non lo so. Ma il mio libro parla più di questa nuova forma di religiosità e di come sta diventando più influente tra gli scienziati e le persone della Silicon Valley e degli americani in generale.”UN SACCO DI GENTE VEDE IL DISASTRO ALL’ORIZZONTE, E C’È UNA PROFONDA PAURA CHE NON SAREMO IN GRADO DI SALVARCI”

Sean Illing

Sono curioso del perché lo chiami una nuova forma di religione. Le religioni tradizionali hanno dogmi e rituali e funzionano come un’ancora per l’individuo e una comunità.Immagino di non vedere i paralleli nel caso degli UFO e degli alieni. Mi sto perdendo qualcosa?

Diana Pasulka

Il problema è che tendiamo a pensare alle nostre religioni quando pensiamo alla religiosità. E negli Stati Uniti, la maggior parte della gente è cristiana o ebrea o musulmana.Queste sono le tradizionali “religioni del libro” che danno forma alla maggior parte della nostra comprensione occidentale della storia.

Ma ci sono molte religioni diverse e alcune non implicano cose come divinità o persino dogmi. Il buddismo Zen, ad esempio, evita l’idea di un dio.Cerca anche di curare i suoi praticanti di dogmi. Oggi ci sono religioni basate su film come Star Wars . Quindi dobbiamo capire che la religione non è esattamente ciò che pensiamo che sia.

Parte di ciò che voglio dire in questo libro è che la religione può assumere molte forme e la stessa religione può assumere forme diverse in luoghi diversi.Quello che stiamo vedendo ora sono nuove forme di religione che emergono dalla nostra infrastruttura della tecnologia digitale e della tecnologia in generale. Le religioni sono modellate dai loro ambienti, proprio come la maggior parte delle cose.

E pensa a ciò che molte religioni consistono in: Spesso, una religione inizia con il contatto da qualcosa di divino, qualcosa al di là del piano normale dell’esperienza umana, e quella cosa comunica con una persona sulla terra. E poi c’è una storia raccontata a riguardo. E poi da quella storia, otteniamo una narrativa più ampia che esplode in quelle che chiamiamo tradizioni religiose.

Qualcosa di molto simile sta accadendo proprio ora attorno alla credenza nella vita extraterrestre. Ciò che mi affascina di questa nuova forma di religione è che gli scienziati e le persone che generalmente prendono le distanze da cose come i miracoli sembrano abbracciare questa nuova forma religiosa.

Sean Illing

Forse il fascino degli alieni scaturisce da un profondo bisogno di meraviglia o stupore in un mondo sempre più spogliato e in cui alcune delle religioni tradizionali hanno perso il loro potere emotivo.

Diana Pasulka

Sono assolutamente d’accordo. Penso anche che stiamo facendo più esplorazione dello spazio. Ora abbiamo diversi tipi di satelliti che utilizziamo, satelliti che si connettono con la nostra tecnologia e dispositivi personali. Quindi c’è questo elemento, ma c’è molto di più in corso.

Siamo in una specie di crisi planetaria in questo momento, e c’è un aumento delle convinzioni apocalittiche sulla nostra capacità di sopravvivere sulla terra. Un sacco di gente vede il disastro all’orizzonte e c’è una profonda paura che non saremo in grado di salvarci.

Quindi cosa ci salverà? Bene, per alcuni saranno questi esseri avanzati che verranno da noi e ci diranno cosa possiamo fare o come possiamo fuggire. Forse ci aiuteranno a trovare un’altra casa planetaria, o forse porteranno una tecnologia salvavita. Chissà? Ma questi tipi di credenze sono in agguato sotto il fascino popolare della vita aliena.

Sean Illing

Vedi l’ossessione della vita aliena come sottoprodotto della nostra adorazione della tecnologia?

Diana Pasulka

Questa è una grande domanda a cui non è facile rispondere.Sicuramente molto ha a che fare con la tecnologia. La tecnologia definisce il nostro mondo e la nostra cultura; è il nostro nuovo dio, la nuova cosa che dobbiamo considerare in un modo o nell’altro.

C’è l’idea che la tecnologia come l’intelligenza artificiale ci ucciderà, ma poi c’è questa idea che la tecnologia sarà il nostro salvatore, che è un’idea molto religiosa. Quindi c’è già una sorta di dicotomia sulla tecnologia. Ma il punto è che non importa cosa pensi della tecnologia e del suo impatto sulla vita umana, non si può negare la sua importanza.

Se siamo preoccupati che la tecnologia ci distrugga o speri che ci salverà, siamo tutti più o meno convinti che sarà al centro del nostro futuro, e gli alieni in tanti modi giocano il ruolo di tecnologia angeli.

Sean Illing

Sono curioso di sapere in che modo le autorità religiose con cui hai interagito riguardano questa convinzione nella vita extraterrestre. Se dovessimo apprendere che la vita aliena esiste, ciò annullerebbe completamente la visione del mondo religioso. Lo vedono come una minaccia?

Diana Pasulka

È una domanda affascinante. Ci sono sicuramente persone che credono che la rivelazione della vita aliena cambierebbe completamente le religioni, ma io non la vedo così. Se guardi un sacco di religioni, già incorporano idee di UFO.

Ad esempio, se osservi le diverse forme del Buddhismo, hai tipi di Bodhisattva che sembrano fluttuare su dischi e cose del genere. Trascorro molto tempo in Vaticano e ci sono persone come l’astronomo Guy Consolmagno (autore del libro Volete Battere un extraterrestre? ) Che non battere ciglio se la vita aliena apparisse all’improvviso.

In realtà penso che i laici e gli atei sarebbero più preoccupati.A causa delle rappresentazioni popolari di alieni e film comeIndependence Day , la gente è pronta a vedere gli alieni come una minaccia esistenziale, una forza invasore superiore. Ma le persone religiose, almeno quelle con cui interagisco, considererebbero gli alieni solo come un altro essere creato da Dio.

Ma non c’è dubbio che la scoperta di un’intelligenza non umana sarebbe profonda, ed è impossibile sapere quanto potrebbe alterare la nostra percezione di noi stessi e il nostro posto nell’universo.

Commenta su facebook