L’esistenza della vita aliena è qualcosa che non possiamo mai nascondere, dice il funzionario della NASA

I teorici della cospirazione hanno affermato più volte che la NASA sta coprendo intenzionalmente la verità dietro l’esistenza aliena per motivi sconosciuti

I teorici della cospirazione di tutto il mondo hanno spesso affermato che la NASA, l’agenzia spaziale degli Stati Uniti, è ben consapevole dell’esistenza aliena e sta intenzionalmente coprendola per motivi sconosciuti. Le affermazioni fatte da questi teorici della cospirazione hanno guadagnato la fiducia del grande pubblico l’anno scorso quando il Pentagono ha confermato il suo programma segreto di ricerca UFO denominato AATIP (Advanced Areal Threat Identification Program).

Mentre le teorie sulla vita extraterrestre continuano a guadagnare popolarità, Michelle Thaller, Assistente alla NASA ha rivelato che l’agenzia spaziale non sa nulla di più sulla vita aliena di quanto abbia condiviso con il pubblico. Ha anche aggiunto che l’esistenza della vita aliena non potrebbe mai essere nascosta e ha chiarito che non vi è alcuna minaccia per la terra proveniente dallo spazio profondo.

“Il giorno in cui vedi tutti gli scienziati della NASA al massimo le loro carte di credito e scompaiono, è quando ti devi preoccupare. Siamo solo persone e se sapevamo qualcosa, non c’è modo di nasconderlo. Ogni volta che troviamo qualcosa che è anche leggermente interessante andiamo al governo e alla stampa al riguardo – non abbiamo nulla da nascondere.

Thaller, durante il suo discorso, ha anche parlato della percezione del pubblico riguardo a una possibile copertura aliena della NASA.

“Questo è qualcosa che è veramente difficile, la gente pensa che stiamo nascondendo gli alieni, ma questo mostra il divario tra gli scienziati e il pubblico Stiamo ora cercando di coinvolgere il pubblico in più di noi. So che questo non convincerà i teorici della cospirazione , ma una delle cose che amo di più della nostra scienza è quanto sia accessibile “, ha aggiunto Thaller.

I commenti di Thaller arrivarono pochi giorni dopo che Scott C Waring, un popolare ricercatore extraterrestre e teorico della cospirazione, individuò una struttura apparentemente umana sulla superficie di Marte. Dopo aver fatto questa scoperta, Scott C Waring ha sostenuto che questa struttura potrebbe essere in realtà un fossile alieno. Waring ha anche esortato gli scienziati della Nasa a dare uno sguardo ravvicinato alle misteriose strutture marziane per svelare questi misteri.

Fonte : ibtime

Commenta su facebook