L’ex Ministero della Difesa Nick Hope pubblica un romanzo così sensibile che ha bisogno del “nulla osta di sicurezza”

Ha trascorso tre anni a indagare su avvistamenti misteriosi sulla Gran Bretagna come capo del banco UFO ufficiale del Ministero della Difesa. Ora il capo della difesa, autore trasformato, Nick Pope, ha scritto un libro così delicato da dover essere sottoposto a un processo di “nulla osta di sicurezza” che ha portato alla rimozione di diversi passaggi.

Il Papà ha lavorato per 21 anni al MoD, ma è diventato famoso in tutto il mondo per le sue ricerche e gli scritti sugli UFO dopo aver lasciato il servizio pubblico. In questo ultimo libro, Blood Brothers, attinge all’esperienza del mondo acquisita durante una carriera a Whitehall che lo ha visto nominato vice direttore presso la Direzione della sicurezza della difesa. Nick Pope è un esperto di UFO che ha anche esperienza nell’antiterrorismo Il romanzo tratta della minaccia posta dai terroristi islamici radicali ed è un ‘omaggio agli uomini e alle donne incredibilmente coraggiosi e devoti che servono nelle nostre Forze Armate e nelle nostre agenzie di intelligence’.


Nick Pope è un esperto di UFO che ha anche esperienza nell'antiterrorismo
Nick Pope è un esperto di UFO che ha anche esperienza nell’antiterrorismo

Il romanzo tratta della minaccia posta dai terroristi islamici radicali ed è un ‘omaggio agli uomini e alle donne incredibilmente coraggiosi e devoti che servono nelle nostre Forze Armate e nelle nostre agenzie di intelligence’.

Tratta argomenti abbastanza esplosivi da indurre l’autore a presentarlo al MoD, dove è stato controllato per assicurarsi che non abbia infranto la legge sui segreti ufficiali. Il papa fu persino invitato a rimuovere certi passaggi. “Non sono sicuro che dovrei dire molto sul processo di sicurezza”, ha detto a Metro. “Tuttavia, non voglio che nessuno pensi che io sia in alcun modo sleale o informatore, quindi posso confermare che ho dovuto inviare al Ministero della Difesa una copia preventiva del manoscritto prima della pubblicazione, e mi ha chiesto di apportare alcune modifiche, che ho fatto. “Gran parte del libro parla di SAS e MI5 che prendono violenti jihadisti, quindi il libro esplora profondamente il mondo segreto e altamente classificato delle forze speciali, dell’intelligence e dell’antiterrorismo. “Mi considero un patriota e sostengo pienamente il Regno Unito, gli Stati Uniti e altri governi occidentali nella guerra al terrore in corso. “Volevo renderlo realistico, ma dovevo essere assolutamente sicuro che nulla di ciò che ho scritto in termini di strategia, dottrina, tattica, problemi di equipaggiamento o qualsiasi altra cosa avrebbe offerto il minimo aiuto a nessuno dei cattivi là fuori .’

Questa è la vista cliché di un UFO

Non era tutto UFO per papa quando era al MoD, perché ha trascorso diversi anni concentrandosi sull’antiterrorismo dopo l’11 settembre.

“L’antiterrorismo è qualcosa di cui so molto – e dicono che devi scrivere quello che sai”, ha continuato. “Molti thriller d’azione si concentrano su inseguimenti in auto e scontri con armi da fuoco, ma voglio che i lettori vedano come sono fatte le cose per davvero – non che ci sia carenza di azione in Blood Brothers. “Il mio libro tratta delle questioni politiche, dando ai lettori un’idea di come le decisioni politiche sull’antiterrorismo siano prese al più alto livello. “Quindi in una scena abbiamo il Primo Ministro che presiede un comitato di emergenza Cobra, nella scena successiva abbiamo gli analisti dell’MI5 che si scontrano un problema e poi passiamo al SAS andando in modo duro e veloce, con tutte le pistole in fiamme. “È diverso da quello che potresti ottenere dagli UFO”.

Un membro fedele allo Stato islamico sventola la bandiera nera del jihad in Raqqa
Un membro fedele allo Stato islamico sventola la bandiera nera del jihad in Raqqa

Il libro descrive in modo inequivocabile i mondi rivali dei servizi di intelligence e dei terroristi estremisti. “Uno dei motivi per cui Blood Brothers è probabilmente controverso è che si tratta della minaccia rappresentata dall’ISIS e da altri gruppi estremisti”, ha aggiunto il Papa. “I problemi più delicati in Blood Brothers sono la razza e la religione. ‘Blood Brothers non demonizza l’Islam, ma mostra come – come tutte le religioni – può essere male interpretata e travisata da persone con l’odio nei loro cuori.’

Quindi l’ex cacciatore di UFO e alto funzionario della difesa crede che gli scenari da incubo del suo romanzo stiano per accadere nel mondo reale?

“Purtroppo, molte delle cose ritratte in Blood Brothers si stanno già avverando, come il solitario saccheggio di attacchi terroristici con veicoli e droni negli aeroporti – ho a lungo avvertito delle implicazioni del terrorismo”, ha detto. “E naturalmente, non è un segreto che i terroristi vogliono mettere le mani su un’arma nucleare o, in mancanza, materiale per fare una bomba sporca. “Le agenzie di intelligence occidentali sono devote e molto capaci, ma i terroristi devono essere fortunati solo una volta. Non sarei sorpreso se ci fosse un atto di terrorismo nucleare nella mia vita. “Non credo che ciò porterebbe ad una terza guerra mondiale, ma ci sarebbe certamente una risposta devastante non solo contro i terroristi, ma contro qualsiasi nazione trovata ad aver aiutato i terroristi”.





Commenta su facebook