Misteri dell'archeologia americana: scheletri "GIGANTI" scomparsi


Uno dei più grandi misteri dell'archeologia americana è legato a 18 scheletri giganti. Secondo i testimoni questi misuravano circa 3 metri di altezza con crani ed estremità superiori a quelli di qualsiasi essere umano.


Si ritiene che gli scheletri giganti siano stati nascosti.

Si ritiene che fossero di razze diverse e avessero 6 dita e una doppia fila di denti. I suoi molari erano frastagliati simili ai denti sulla parte anteriore della mascella.

Le teste degli scheletri erano molto più lunghe e furono pubblicate nel numero di maggio 1912 del New York Times.

L'esistenza di scheletri giganti negli Stati Uniti
Diverse culture in tutto il mondo hanno menzionato i giganti nelle loro leggende in un modo o nell'altro. I testi antichi menzionano questi esseri come reali.
Uno degli esempi più chiari di ciò si trova nella Bibbia:

“In quei giorni c'erano nel paese dei giganti; e anche dopo ciò, quando i figli di Dio vennero dalle figlie degli uomini e generarono figli per loro, gli uomini potenti diventano uomini che erano antichi, uomini famosi. Genesi 6:4.

vite del ridere Il professore di diritto e autore nativo americano ha dichiarato quanto segue:

“L'archeologia e l'antropologia odierne hanno quasi chiuso la porta al nostro immaginario, interpretando ampiamente il passato americano come privo di qualsiasi cosa di insolito nel modo di grandi culture caratterizzate da persone che si comportano in modo insolito.

Il grande intruso degli antichi cimiteri, la Smithsonian Institution del XIX secolo, ha creato un portale unidirezionale attraverso il quale sono state animate innumerevoli ossa.

Questa porta e il contenuto del tuo caveau sono virtualmente sigillati a chiunque tranne che ai funzionari del governo. Tra queste ossa si possono trovare risposte nemmeno cercate da questi funzionari sul passato remoto.

Tuttavia queste storie non sono solo derivate da antiche leggende. A questo proposito sono stati pubblicati anche articoli di giornale. Uno viene dal New York Times del 4 maggio 1912.

Il testo menziona che scheletri di dimensioni incredibili sono stati trovati vicino al lago Delavan nel Wisconsin.

La scoperta è stata fatta da un gruppo di archeologi dell'Università del Beloit College nel Wisconsin. Gli scheletri erano alti più di 10 piedi.

Grandi scheletri sono stati trovati anche in

altre parti del mondo.

Nascondere le scoperte?

Il problema è che questo articolo è stato il primo e l'ultimo su questa scoperta che deve aver fatto il giro del mondo. Di questo ritrovamento, infatti, non si sapeva più nulla.

Alcuni archeologi della linea tradizionale della storia hanno persino affermato che non sono mai esistiti.

È interessante notare che il luogo in cui sono stati trovati gli scheletri di Giganti è noto per il ritrovamento di altri scheletri che, pur non essendo Giganti, non corrispondono all'altezza caratteristica dei nativi della regione.

Nel 1981 gli scienziati della Smithsonian Foundation hanno trovato uno scheletro gigante negli scavi di tombe piramidali a Madison, nel Wisconsin. È interessante notare che anche loro sono scomparsi.

L'istituzione afferma di non sapere nulla di loro o di altri scheletri giganti. Eppure ci sono prove sulla stampa da quasi 100 anni che scoperte simili sono menzionate in tutto il Midwest degli Stati Uniti.

I teorici ritengono che il governo degli Stati Uniti nasconda queste informazioni per proteggere determinati interessi, ma questo non è l'unico paese in cui sono state fatte queste scoperte.

In altre parti del mondo i ricercatori hanno anche trovato resti umani estremamente grandi.

È inoltre necessario chiarire che molte di queste "scoperte" in giro per il mondo non erano altro che voci. Cosa che ferisce le vere scoperte.

Gli scheletri dei Giganti che si nascondevano negli Stati Uniti rimangono una questione controversa e infatti diverse personalità in tutto il mondo continuano a premere affinché il governo dica la verità sul caso.
Un altro post di: UFO ONLINE
Guarda il video qui sotto:

Commenta su facebook

Lascia un commento