‘Oumuamua: pezzo di roccia interstellare o UFO alieno alimentato dal sole?

Mentre un misterioso oggetto volante esce dal nostro sistema solare, abbiamo chiesto agli esperti di speculare sulle sue origini.L anno scorso gli astronomi hanno avvistato un insolito oggetto interstellare che si muoveva attraverso il sistema solare alla velocità ventilata di 26 km al secondo.

Chiamato ‘Oumuamua – dall’afaiiano per “scout” – emerse varie teorie su ciò che poteva essere. Una cometa fu il primo pensiero, ma mancava la coda gassosa del marchio. Poi è stato posato per essere un asteroide, ma ha cominciato ad accelerare ad un ritmo che gli scienziati non erano in grado di spiegare.

Questo mese, una coppia di scienziati di Harvard ha pubblicato un articolo che suggerisce che l’oggetto potrebbe essere un veicolo spaziale alieno abbandonato spinto in avanti da una “vela solare”, un dispositivo che utilizza l’energia del sole per spingere la nave attraverso lo spazio. Nel gennaio 2019, viaggerà oltre l’orbita di Saturno mentre esce dal nostro sistema solare. Nell’interesse del rigore scientifico, Maclean’s ha radunato le più belle riprese dei maggiori esperti del Canada su ciò in cui credono che potrebbe essere Oumuamua.

È un piccolo asteroide espulso (probabilmente miliardi di anni fa) da un altro sistema planetario, che per caso è volato vicino alla nostra stella e alla Terra. Trilioni di oggetti devono vagare liberamente nello spazio interstellare, e ogni tanto uno cade attraverso un sistema stellare (il nostro, in questo caso).Le proprietà del flyby di questo oggetto, la sua velocità e la sua direzione, sono esattamente ciò che ci si aspettava da tali oggetti vaganti liberamente.

-Brett Gladman, professore di fisica e astronomia, UBC

A mio parere, “Oumuamua è molto probabilmente un planetesimale a forma di atipico, leggermente ghiacciato” che è stato espulso da un altro sistema solare molto tempo fa. Un pianeta-spazio è una qualsiasi roccia spaziale che è rimasta dal processo di formazione del pianeta, come asteroidi o comete. Ora, qualcosa deve spiegare “l’eccesso di accelerazione di Oumuamua, così come lo è il focus del giornale di Harvard. La teoria della vela solare è un divertente pezzo di scienza, e non c’è nulla da quello che posso vedere che non è corretto nei calcoli. La luce trasporta la quantità di moto e in effetti fornisce una pressione che può spingere un foglio sottile.L’accelerazione di Oumuamua può essere spiegata dalla pressione della radiazione? Ora sappiamo che puòMa è probabile una vela leggera aliena? Questo è un estremo salto.Le richieste straordinarie richiedono prove straordinarie,

-Ben KD Pearce, fisica e astronomia Ph.D. studente, McMaster University

La fantascienza ha una lunga storia di storie su astronavi o derelitti malfunzionanti; se si tratta di un vascello alieno, è probabilmente proprio questo: un relitto, poiché in una nave funzionante, qualsiasi vela solare – un fragile costrutto – sarebbe ritratta così lontano da una stella. Quanto sarebbe tragico se gli alieni avessero effettivamente deciso di farci una visita amichevole solo perché fossero morti durante il viaggio. La mia teoria? In realtà, gli scrittori di fantascienza sono un gruppo altamente scettico; siamo meno inclini a interpretare al meglio un’interpretazione stravagante.Quasi certamente, ‘Oumuamua si rivelerà un fenomeno interamente naturale. Tuttavia, tutto ciò che fa pensare alla gente il nostro posto nell’universo è tutto per il meglio.

-Robert J. Sawyer, romanziere di fantascienza vincitore del premio Hugo

La spiegazione più ragionevole è che questo oggetto è un piccolo corpo (come un asteroide) che è stato espulso da un altro sistema planetario e che il nostro sistema solare si è intersecato con il suo percorso, facendo sì che l’oggetto diventi visibile dalla Terra. Gli astronomi e gli scienziati planetari hanno predetto a lungo che tali oggetti esistessero e che li avremmo rilevati quando i nostri telescopi diventassero sufficientemente capaci. La dimostrazione arriverà quando verranno scoperti altri corpi di questo tipo. Quando si formano i sistemi planetari, verrebbero creati molti miliardi di corpi circa la dimensione di questo. Sappiamo già che le particelle di polvere provenienti da altri sistemi planetari hanno un impatto sulla Terra; ‘Oumuamua è un esempio molto grande di un tale evento, ma non è un evento altamente improbabile.

-JJ Kavelaars, capo del Canadian Astronomy Data Center

Commenta su facebook