Quando gli UFO hanno sorvolato la Casa Bianca

Quando una serie di avvistamenti simili a piattini fu riportata su Washington, DC nel 1952, l’Air Force bloccò il proprio investigatore dal controllarli.

Il 1952 fu l’anno in cui l’America prese la febbre dei dischi volanti.

Quindi, quando un’ondata di strani avvistamenti è stata riportata nei cieli di Washington DC quell’estate, la stampa e il pubblico hanno chiesto risposte. Erano questi segnali radar inspiegabili, che in alcuni casi hannoprovocato getti , parte di un’invasione sovietica con armi nucleari, una vera minaccia al culmine della paura rossa? Oppure erano la prova di qualcosa di molto più misterioso?

Gli avvistamenti di Washington, DC del luglio 1952, noti anche come “il Grande Flap”, occupano un posto speciale nella storia degli oggetti volanti non identificati. I principali giornali americani riportavano avvistamenti credibili da parte di operatori e piloti di radar civili e militari, così tanti che una speciale unità di intelligence dell’aviazione americana è stata inviata per indagare.Quello che hanno trovato – o non ha trovato – insieme alla spiegazione ufficiale dell’Air Force, ha alimentato alcune delle prime teorie cospirative su un complotto governativo per nascondere le prove della vita aliena.

Mania UFO prende piede

Tutto iniziò nel 1947, quando un pilota di ricerca e soccorso di nome Kenneth Arnold riferì nove “cose ​​simili a un disco volante … che volavano come oche in una linea a catena diagonale” a velocità superiori a 1.000 miglia orarie vicino a Mount Rainier nello Stato di Washington. In poche settimane, avvistamenti di “dischi volanti” erano stati segnalati in altri 40 stati.

Nel nome della sicurezza nazionale, il generale dell’Air Force Nathan Twining lanciò Project SIGN (originariamente chiamato Project SAUCER) nel 1948, il primo programma ufficiale di intelligence militare per raccogliere informazioni sugli avvistamenti UFO. I suoi investigatori respinsero la stragrande maggioranza come bufale o errate identificazioni di velivoli noti o fenomeni naturali.

Ma alcuni casi sono rimasti “inspiegabili”.

Nel 1952, l’unità investigativa UFO fu chiamata Project Blue Book , guidata dal capitano Edward Ruppelt presso la base aeronautica di Wright-Patterson a Dayton, nell’Ohio.Probabilmente Ruppelt e la sua squadra avrebbero continuato a indagare su una dozzina di avvistamenti al mese, se non per il numero di aprile 1952 della rivista LIFE .Proprio sopra la sua inquadratura a eliminazione diretta di Marilyn Monroe ha pubblicato un titolo altrettanto accattivante: “C’è un caso per i dischi interplanetari”.

L’articolo, scritto con la piena cooperazione di Ruppelt, spiegava l’interesse per la sicurezza nazionale degli Air Force negli UFO. Ed è stato un caso convincente – attraverso la colorata rivisitazione di 10 “incidenti” UFO inspiegabili – che questi oggetti non identificati erano di origine extraterrestre. Come uno scienziato missilistico che lavora a progetti “segreti” per gli Stati Uniti ha detto a LIFE : “Sono completamente convinto che abbiano una base fuori dal mondo”.

Secondo il Washington Post , il numero di avvistamenti UFO segnalati all’aeronautica è aumentato di oltre sei volte, dal 23 marzo 1952 al 148 giugno. A luglio, c’erano le condizioni precise per un incendio violento della mania degli UFO: l’ansia della Guerra Fredda diffusa, la copertura della stampa mainstream degli incidenti UFO inspiegabili e una sana dose di “follia di mezza estate”. Tutto ciò che serviva era una scintilla.

Mysterious radar blip ronzano sopra la Casa Bianca

Poco prima di mezzanotte di sabato 19 luglio 1952, il controllore del traffico aereo Edward Nugent all’aeroporto nazionale di Washington individuò sette oggetti lenti sul suo schermo radar lontani da qualsiasi nota traiettoria di volo civile o militare. Chiamò il suo supervisore e scherzò su una “flotta di dischi volanti”. Allo stesso tempo, altri due controllori del traffico aereo a National avvistarono una strana luce brillante che si librava in lontananza che improvvisamente sfrecciava via a una velocità incredibile.

Alla vicina base dell’Air Force di Andrews, gli operatori radar stavano ottenendo gli stessi blips non identificati, lenti e concentrati in un primo momento, per poi correre a velocità superiori a 7.000 miglia orarie.Guardando fuori dalla sua finestra della torre, un controllore di Andrews vide quello che descrisse come una “palla di fuoco arancione che percorreva una coda”. Un pilota commerciale, che sorvolava la Virginia e Washington, DC, riferì sei luci stridenti, come stelle cadenti senza code “.

Quando gli operatori radar di National hanno visto gli oggetti ronzare davanti alla Casa Bianca e al Campidoglio, le battute sugli UFO si sono fermate. Due jet intercettori F-94 sono stati rimescolati, ma ogni volta che si sono avvicinati alle posizioni che appaiono sugli schermi radar, i misteriosi blip sono scomparsi. All’alba del 20 luglio, gli oggetti erano spariti.

‘Ho provato a prendere contatto con i carrelli’

Nessuno si è preso la briga di dire a Ruppelt, l’investigatore principale del Progetto Blue Book dell’Aeronautica, circa gli avvistamenti. L’ha scoperto pochi giorni dopo, quando è volato a Washington DC e ha letto i notiziari. Ruppelt ha cercato di uscire a National e Andrews per intervistare gli operatori radar e i controllori del traffico aereo, ma gli è stata negata un’automobile emessa dal governo o addirittura un taxi. Frustrato, tornò in Ohio senza niente.

Il sabato successivo, gli UFO erano tornati sulla capitale della nazione. Ancora una volta, Ruppelt ha scoperto una telefonata di un giornalista e ha immediatamente chiamato due colleghi dell’Aeronautica per verificare la situazione a National. Gli stessi radar erano tornati, e gli operatori radar si chiedevano ad alta voce se la decina di oggetti sui loro schermi non potesse essere causata da un’inversione di temperatura, un fenomeno comune nei mesi caldi e afosi di DC.

Una inversione di temperatura si verifica quando uno strato di aria calda si forma nella bassa atmosfera, intrappolando aria più fredda al di sotto. I segnali radar possono rimbalzare su questo livello ad angoli poco profondi e mostrare erroneamente oggetti vicini come appaiono nel cielo. I colleghi dell’Air Force di Ruppelt, tuttavia, erano convinti che gli oggetti sullo schermo radar non fossero miraggi, ma aerei solidi.

Per sicurezza, altri due jet F-94 sono stati rimescolati per inseguire i bersagli non identificati che appaiono sugli schermi radar sia a livello nazionale che di Andrews.Seguì un gioco di Whack-a-Mole ad alta velocità, in cui i getti avrebbero corso in una posizione presa di mira dai radar, solo per far sparire i blip. Alla fine, uno dei piloti di jet vide una luce brillante in lontananza e lanciò la caccia.

“Ho provato a prendere contatto con i carrelli inferiori a 1.000 piedi”, ha detto in seguito il pilota ai giornalisti.”Ho visto diverse luci brillanti.Ero alla massima velocità, ma anche in quel caso non avevo velocità di chiusura. Ho smesso di inseguirli perché non vedevo nessuna possibilità di superarli. ”

Il capitano Edward Ruppelt, in piedi, e il generale John Samford, seduto alla sua destra, discutono delle relazioni di oggetti volanti non identificati con altri ufficiali dell’Air Force in una conferenza stampa del 1952.

A rovescio del panico di massa con una teoria contestata

Il giorno successivo, i titoli dei giornali di tutta l’America hanno gridato “Saucers Swarm Over Capital” e “Jets Chase DC Sky Ghosts”. La pubblicità e il panico pubblico sugli avvistamenti erano così grandi che il presidente Harry Truman stesso ha chiesto aiutanti per ottenere risposte.Quando hanno chiamato Ruppelt, ha detto che potrebbe essere stato causato da un’inversione di temperatura, ma sono state necessarie ulteriori indagini per spiegare pienamente sia le immagini radar che i credibili resoconti di testimoni oculari.

Ma prima che potesse svolgersi un’indagine così approfondita, l’Air Force chiamò una conferenza stampa, il più lungo evento di cronaca fin dalla seconda guerra mondiale. L’ottone dell’aeronautica aveva deciso, senza consultare Ruppelt o il team del Project Blue Book, che la migliore risposta agli avvistamenti era quella di dare alla stampa e al pubblico una spiegazione facile da digerire.

Schivando domande specifiche su ciò che i piloti e gli operatori radar avevano visto nei cieli sopra il Campidoglio, il generale John Samford tornò ancora e ancora alla teoria dell’inversione della temperatura. Non importa che Ruppelt fosse arrivato alla conclusione opposta.

“Gli investigatori avevano escluso l’inversione”, afferma Alejandro Rojas, direttore del sito di notizie sugli UFO OpenMinds . “Avevano esaminato quella situazione.Gli operatori radar hanno detto: “Le inversioni si verificano. Sappiamo cosa sono le inversioni. Questa non è un’inversione. Questa non è la stessa cosa. ‘”

Per la delusione di Ruppelt, la conferenza stampa dell’Air Force ha funzionato esattamente come previsto. I giornali riportarono la storia di inversione della temperatura e il pubblico sembrò in gran parte accettarlo. Nel suo libro del 1956, The Report on Unidentified Flying Objects , Ruppelt riferisce che dopo la conferenza stampa gli avvistamenti UFO sono scesi da 50 al giorno a 10.

Gli scettici, tuttavia, non erano soddisfatti della risposta del governo pat.Molti hanno accusato gli investigatori dell’Air Force e del Progetto Blue Book di comportamento subdolo e conoscenza segreta. Fu solo quando i documenti del Progetto Blue Book furono resi pubblici QUANDO i investigatori degli UFO potevano vedere che la cosa più vicina a un governo coperto dagli avvistamenti UFO nella capitale della nazione era in realtà una cospirazione dell’ignoranza.

“Lo sportello UFO di Washington illustra perfettamente il vero e proprio” insabbiamento “del governo”, dice Nick Pope, un giornalista UFO che dirigeva unità investigative UFO per il Ministero della Difesa britannico. “Non è una situazione in cui le autorità hanno cospirato per mantenere una terribile verità sugli UFO dal popolo, ma piuttosto, il governo ha fatto del suo meglio per impedire alla gente di rendersi conto di non avere tutte le risposte”.

Commenta su facebook