UFO : Quando un pilota US Fighter è entrato in un combattimento con un UFO

Il governo spiegò le luci rapidamente manovrate come un pallone meteorologico. Gli esperti dicono che ci sono buchi per quella teoria.

George Gorman, a sinistra, discute il suo volo sui cieli della base della Guardia Nazionale dell’Aeronautica del Nord Dakota a Hector Field con Dan Oxley e Duane Lund il 2 ottobre 1948

Nelle parole del capitano Edward J. Ruppelt, l’uomo che ha indagato su rapporti di oggetti volanti non identificati per l’aviazione americana nei primi anni ’50, il Gorman Dogfight rimane uno dei “classici” tra gli avvistamenti UFO.

L’incidente, che manca ancora una spiegazione ermetica, ha comportato un incontro aereo di 27 minuti tra un veterano combattente della seconda guerra mondiale di nome George F. Gorman e un misterioso globo bianco in alta quota sopra Fargo, North Dakota.”Non ho mai visto niente del genere”, ha detto Gorman a un giornale locale dopo l’evento del 1 ° ottobre 1948.”Se qualcun altro avesse riferito una cosa del genere, avrei pensato che fossero pazzi.”

Il Capitano Ruppelt gestì ilProgetto Blue Book , che continuò il lavoro di Project Sign e Project Grudge, una serie di studi hush-hushcondotti dall’Aeronautica USA tra il 1947 e il 1969. La sua missione: determinare se gli UFO fossero una minaccia per la sicurezza nazionale e analizzare scientificamente i dati relativi agli UFO.

Ciò che rende il Gorman Dogfight unico nelle pagine ormai declassificate del Project Blue Book non è solo la lunghezza dell’incontro, ma è stato registrato sia sul terreno che nel cielo da numerose fonti attendibili.

Le raffigurazioni di George Gorman del suo incontro UFO.

Inseguendo ed essendo inseguiti da una luce

All’epoca dell’incidente, Gorman, un ex pilota da 25 anni, era stato sottotenente della Guardia Nazionale dell’Aeronautica del Nord Dakota. Fu questo ruolo che lo collocò dietro i controlli di volo di un Mustang P-51 il 1 ° ottobre 1948, prendendo parte a un volo transnazionale insieme ad altri aviatori della National Guard.

Mentre gli altri piloti atterrarono all’aeroporto Hector di Fargo, in quella fatidica sera Gorman rimase in volo per poter entrare in un tempo di volo notturno nelle condizioni senza nuvole.Dopo aver fatto il giro del suo P-51 su uno stadio di calcio illuminato, si stava preparando ad atterrare verso le 21.00. Advisato dalla torre di controllo che l’unico altro aereo nelle vicinanze era un Piper Cub (che Gorman poteva vedere a circa 500 piedi sotto di lui), assistette a quello che credeva essere il fanalino di coda di un’altra nave che passava sulla destra, anche se la torre non aveva altri oggetti sul radar.

Decidendo di dare un’occhiata più da vicino all’oggetto non identificato, Gorman tirò su l’aereo e si chiuse entro circa 1.000 metri. “Era di circa 6-8 cm di diametro, di colore bianco trasparente e completamente privo di peluria ai bordi”, ha detto a proposito dell’oggetto nel suo rapporto. “Stava lampeggiando e spegnendo.Mentre mi avvicinavo, tuttavia, la luce divenne improvvisamente stabile e tirò in una sponda sinistra acuminata. Pensavo facesse un passaggio alla torre. ”

Decidendo di seguirlo, Gorman cercò inutilmente di raggiungere l’oggetto, riferendo che alla fine si era portato dietro a circa 7.000 piedi, dove fece una brusca virata e si diresse dritto verso il P-51. Quasi nel punto di collisione Gorman si tuffò e disse che la luce passò sopra il suo baldacchino a circa 500 piedi prima di tagliare ancora una volta di netto e tornare nella sua direzione. Proprio come la collisione sembrava imminente, Gorman disse che l’oggetto si alzò in aria in una ripida salita, così ripida che quando cercò di intercettarlo, il suo aereo si fermò a circa 14.000 piedi. L’oggetto non fu più visto, ma secondo Gorman era stato impegnato in manovre aeree per 27 minuti quando portò il suo aereo a terra.

‘Pensiero definitivo dietro le sue manovre’

Scosso dall’incontro, il pilota ha continuato a segnalare di non aver notato alcun suono, scia di scia o odore dall’oggetto. E mentre aveva raggiunto velocità fino a 400 miglia all’ora mentre inseguiva, non riusciva a tenere il passo con quello che era.

“Sono convinto che ci fosse un preciso pensiero dietro le sue manovre”, ha detto Gorman in una dichiarazione giurata al suo comandante.”Sono inoltre convinto che l’oggetto fosse governato dalle leggi di inerzia perché la sua accelerazione era rapida ma non immediata; e sebbene fosse in grado di girare abbastanza stretto a notevole velocità, seguiva comunque una curva naturale. “

Gorman ha riferito di aver perso tempo a causa della eccessiva velocità raggiunta nel tentativo di girare con l’oggetto. “Sono in condizioni fisiche abbastanza buone e non credo che ci siano molti, se non nessuno, piloti che potrebbero resistere alla svolta e alla velocità raggiunta dall’oggetto, e rimanere coscienti”, ha scritto. “L’oggetto non era solo in grado di superare e accelerare il mio aereo … ma era in grado di raggiungere una salita molto più ripida ed era in grado di mantenere un ritmo costante di salita molto superiore al mio aereo.”

Altri testimoni

Gorman non era il solo a vedere quell’oggetto misterioso quella notte. E ‘stato anche testimone dei controllori del traffico aereo Lloyd D. Jensen e HE Johnson, che stavano presidiando la torre dell’aeroporto di Hector. Secondo Johnson, che ha riferito di aver visto il Piper Cub e l’UFO allo stesso tempo, l’oggetto stava “viaggiando ad un alto tasso di velocità” ed era “abbastanza veloce da aumentare la distanza tra se stesso e il combattente di Gorman”. l’oggetto sembra essere “solo una luce rotonda, perfettamente formata, senza bordi sfocati o raggi che lasciano il suo corpo”.

Anche il dottor AE Cannon, il pilota del Piper Cub, e il suo passeggero osservarono l’oggetto – sia in cielo che al loro ritorno all’aeroporto, dove si unirono immediatamente ai controllori del traffico nella torre. Cannon descrisse la luce come spostandosi “molto rapidamente, molto più velocemente del 51”. Due dipendenti dell’Amministrazione dell’Aeronautica Civile sul terreno hanno riferito di aver visto l’oggetto.

Esplorando le opzioni

Potrebbe essere stato semplicemente un altro aereo? Prendendo in considerazione la tecnologia del tempo, il dott. Travis S. Taylor, ingegnere aerospaziale e autore di Introduction to Rocket Science and Engineering , ritiene che qualsiasi altro velivolo sarebbe stato evidente a Gorman.

All’inizio di quell’anno, ha precisato, Chuck Yeager ha fatto il suo famoso volo nella Bell X1 a velocità record, in cui ha rotto la barriera del suono. “Un mestiere del genere sarebbe stato molto ovvio per un pilota in un P-51.[Gorman] avrebbe saputo quello che stava guardando – l’X1 sembrava un aeroplano “, dice Taylor. “Se stava inseguendo qualcosa che non assomigliava ad un aereo standard e non riusciva a tenere il passo con esso, o era troppo lontano, e non si rendeva conto di quanto fosse lontano, o si muoveva più velocemente di un P-51 potrebbe muoversi. ”

Gli investigatori della US Air Force di Project Sign (in seguito Project Grudge e infine Project Blue Book) arrivarono presto a Fargo, dove le misurazioni del contatore di Geiger sull’aereo di Gorman rivelarono un’elevata radioattività, anche se questo fu in seguito spiegato come un effetto collaterale dell’alta quota volo che ha avuto luogo.

Gorman era un kook, o forse toccato in testa dalle sue esperienze di guerra? Gli investigatori del governo lo hanno trovato un testimone credibile, sottolineando che “non ha fatto l’impressione di essere un sognatore. Legge poco e solo letteratura seria.Trascorre il 90% del suo tempo a caccia e pesca; beve meno che moderatamente;fuma normalmente; e non fa droghe. Sembra essere un individuo sincero e serio che è rimasto perplesso dalla sua esperienza e non ha fatto alcun tentativo di far saltare in aria la sua storia. ”

Che dire dei test di Cold War?

Una teoria della cospirazione ipotizzava che l’incontro di Gorman potesse essere avvenuto con un mezzo di prova top-secret. Con la seconda guerra mondiale un ricordo molto recente, le tensioni del 1948 furono accentuate sia negli ambienti militari che in quelli civili. E mentre la Guerra Fredda stringeva la presa sulla psiche americana, il governo USA cercò di aumentare la sua potenza di fuoco scientifica con un’iniziativa clandestina chiamata Operazione Paperclip, attraverso la quale reclutò ex scienziati, ingegneri e tecnici nazisti (tra cui Wernher von Braun e il suo V- 2 squadra missilistica) in America, per aumentare le possibilità della nazione nella Guerra Fredda e incombere sulla corsa allo spazio.

Più lontano, i sovietici avevano iniziato a testare il R-1 Rocket (una versione sovietica del V-2 tedesco della Seconda Guerra Mondiale) nello stesso anno dell’incontro di Gorman, sollevando dubbi sul fatto che l’oggetto che lui e gli altri vedevano potesse essere un veicolo sovietico o arma. “L’R-1 non aveva il raggio d’azione per andare da dove si trovavano le capacità di lancio in Unione Sovietica a Fargo”, afferma Taylor. “Era un razzo stupido. Tutti i razzi in quel momento erano proiettili. Hanno usato l’aerodinamica principalmente per guidarli.Potevano fare manovre lente, ma se avessero fatto una manovra veloce avrebbero iniziato a ruzzolare a pezzi “.

La teoria del pallone meteorologico

Tornato a Fargo, dopo che il Servizio Meteorologico dell’Aviazione rivelò di aver rilasciato un pallone meteorologico illuminato 10 minuti prima che Gorman vedesse per la prima volta l’oggetto, gli investigatori si avventarono, proclamando al pallone la spiegazione più probabile per l’oggetto visto.

Per quanto riguarda i movimenti apparentemente incredibili testimoniati, il rapporto diceva che erano dovuti alle stesse manovre di Gorman mentre cercava di inseguire l’oggetto luminoso.Essenzialmente, gli investigatori hanno scritto, la sua alta velocità ha dato al pallone l’impressione di muoversi in direzioni opposte mentre passava. Oltre a questa teoria, gli investigatori hanno notato l’apparizione luminosa di Giove in quella data, ipotizzando che Gorman stesse cercando di inseguire il punto luminoso del pianeta nello stesso momento in cui il pallone meteorologico era a portata di mano.

Il pallone meteorologico illuminato diventerebbe la causa ufficiale dell’incontro nel file del Progetto Blue Book.

“Stavamo facendo Project Mogul all’epoca, ovvero palloni ad alta quota [dotati di microfoni ad alta potenza] che stavamo cercando di ascoltare se i sovietici stavano facendo test nucleari in superficie”, dice Taylor, che sottolinea che il famoso avvistamento UFO di Roswell, New Mexico è stato spiegato come un pallone del Progetto Mogul.

Se Gorman fosse contento del risultato ufficiale rimane sconosciuto. Mantenendo il suo silenzio, è tornato all’Aeronautica a tempo pieno, per poi ritirarsi al grado di tenente colonnello nel 1969. Non ha mai parlato pubblicamente dell’incontro, anche se secondo la Bismarck Tribune , ha detto agli amici “non è mai stato convinto che aveva duellato con un pallone illuminato per 27 minuti. “Gorman morì nel 1982.

Taylor ha una sua teoria: “Forse qualcuno stava giocando con la missilistica”. Ma, osserva, non c’erano strutture di prova o scienziati nella zona di Fargo quando l’incontro ebbe luogo. Tutti i tedeschi dell’operazione Paperclip erano al campo missilistico a White Sands, nel New Mexico, mentre il guru del razzo Robert H. Goddard era morto nel 1945. “Non ha senso”, dice Taylor, “che c’era qualcosa che c’era fatto che stavano inseguendo.

Commenta su facebook