UFO: L’ASTRONAUTA TIM PEAKE CREDE NEGLI ALIENI E VUOLE ANDARE SU MARTE PER SCOVARLI

IL PRIMO astronauta britannico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale crede nell’esistenza di vita extraterrestre e vuole dimostrarlo.

L'astronauta Tim Peake a caccia di Ufo.

Il Maggiore Tim Peake, primo astronauta britannico a mettere piede all’interno della Stazione Spaziale Internazionale proprio in questi giorni, prima di partire ha voluto dire la sua sugli alieni. L’uomo 43 enne ha chiarito una volta per tutte quello che è il suo pensiero riguardo all’affascinante questione relativa agli Ufo. Egli ha dichiarato nel corso di una recente intervista, che sarebbe molto sorpreso di scoprire che non c’è vita oltre alla nostra nell’Universo. Secondo Peake molto presto l’uomo scoprirà finalmente se siamo realmente soli all’interno del nostro sistema solare. L’astronauta inglese ha pure confessato di voler un giorno sbarcare anche sulla Luna e su Marte. Proprio sul pianeta rosso è probabile, secondo l’astronauta, che si possano trovare i primi segni di vita extraterrestre, intesi come forme di vita unicellulare.

Per Peake non siamo soli nell’Universo

Secondo il Maggiore Peake inoltre è possibile che forme di vita semplice di natura extraterrestre si possano nascondere anche negli interni di Plutone e sulle Lune di Saturno dove si ritiene che esistano vasti oceani sotto le superfici. Come si sa dove c’è acqua è molto probabile esista anche la vita. Nel corso della conferenza stampa l’astronauta inglese ha pure chiarito che quello della Stazione Spaziale Internazionale è un progetto molto serio che successivamente ha come obiettivo quello di esplorare la Luna e anche Marte. Infatti l’obiettivo è quello di un’esplorazione completa del sistema solare, progetto che ovviamente richiederà molti anni per il suo completamento.

Ufologi galvanizzati dalle parole dell’astronauta

A quel punto il nostro Sistema Solare non dovrebbe più avere segreti per l’Uomo. Ovviamente le parole di Tim Peake hanno galvanizzato gli ufologi di mezzo mondo, che per la prima volta sentono dire ad un astronauta in piena attività cose di questo tipo. Fino ad ora infatti sull’argomento relativo alla possibilità di vita extraterrestre, tutti coloro che fanno parte della Nasa sono sempre stati molto attenti a non rilasciare dichiarazioni che possano dare adito ad interpretazioni folkloristiche della questione.

Commenta su facebook