Prove per Atlantide? Gli scienziati scoprono enormi strutture non identificate all’interno della Terra

Se gli scritti del filosofo greco Platone non contenessero così tanta verità sulla condizione umana, il suo nome sarebbe stato dimenticato secoli fa. Ma una delle sue storie più famose, la catastrofica distruzione dell’antica civiltà di Atlantide, è quella che ha affascinato gli storici e gli avventurieri. Platone raccontò la storia di Atlantide intorno al 360 a.C. I fondatori di questo continente perduto erano metà dei e metà umani. Hanno creato una civiltà utopica e sono diventati un grande potere. Secondo il filosofo greco, era costituito da isole concentriche separate da grandi fossati e unite da un canale che penetrava al centro. Le lussureggianti isole contenevano oro, argento e altri metalli preziosi e sostenevano un’abbondanza di fauna rara ed esotica.

Apparentemente, Atlantide esisteva circa 9000 anni prima del suo tempo e che la sua storia era stata tramandata da poeti, sacerdoti e storici. Tuttavia, gli scritti di Platone su Atlantide sono gli unici documenti noti della sua esistenza. Ma ciò non ha impedito a molte persone, nel corso della storia, di perdere la propria fortuna e, in alcuni casi, persino la propria vita, alla ricerca di Atlantide. Esistono molte teorie su dove si trovasse Atlantide: nel Mediterraneo, al largo delle coste della Spagna, anche nell’attuale Antartide. Finora nessuno è stato in grado di trovare alcuna prova della sua esistenza, ma cosa succede se Atlantide si trova in un luogo di difficile accesso, oltre i limiti noti della Terra? Bene, forse ora abbiamo le risposte a uno dei grandi misteri della nostra storia.

Strutture misteriose all’interno della Terra

Gli scienziati hanno scoperto una vasta struttura fatta di materiale denso che occupa il confine tra il nucleo esterno liquido della Terra e il mantello inferiore, un’area a circa 3000 chilometri sotto i nostri piedi. La struttura, nota come Ultra Low Speed ​​Zone (ULVZ), si trova al confine tra il nucleo fuso surriscaldato della Terra e il mantello solido e al di sotto delle isole vulcaniche Marchesi nella Polinesia francese nel Sud Pacifico, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Scienza.

Il team internazionale dell’Università del Maryland (UMD), della Johns Hopkins University e dell’Università di Tel Aviv in Israele, ha anche trovato prove che suggeriscono che un ULVZ precedentemente identificato sotto le isole hawaiane ai margini del mantello centrale sia molto più grande di se precedentemente pensato.

Strutture terrestri non identificate di Atlantide – Prove da Atlantide? Gli scienziati scoprono enormi strutture non identificate all’interno della Terra.

Le ULVZ si trovano nella parte inferiore dei pennacchi del mantello terrestre, caratteristiche geologiche in cui si ritiene che il materiale roccioso caldo salga dal limite del mantello centrale alla crosta esterna del pianeta, portando alla creazione di isole vulcaniche come le Hawaii e le Marchesi . In effetti, l’ULVZ situata sotto le Hawaii è il più grande esempio noto alla scienza. Gli scienziati sono stati in grado di rilevare le strutture analizzando i dati sulle onde sismiche, che possono rivelare strutture sotterranee nascoste mentre viaggiano sul pianeta.

Queste onde sismiche, generate dai terremoti, percorrono migliaia di chilometri sotto la superficie. Ma poiché il materiale che attraversano varia in densità, temperatura o composizione, le onde cambiano velocità, si piegano o si diffondono, producendo echi che gli scienziati possono rilevare usando strumenti noti come sismometri. Utilizzando questi dati, i ricercatori possono creare un’immagine della roccia sotto la superficie e stimarne le proprietà fisiche. Nell’ultimo studio, gli autori hanno utilizzato un algoritmo di apprendimento automatico chiamato “Sequencer” per analizzare simultaneamente circa 7000 registrazioni di onde sismiche, note come sismogrammi, generate da centinaia di terremoti di oltre 6,5 gradi che hanno scosso la regione del Pacifico. tra il 1990 e il 2018. Queste onde si diffondono lungo il confine del nucleo del mantello, offrendo una visione completa della Terra in profondità sotto la regione del Pacifico.

“Osservando allo stesso tempo migliaia di echi dal confine del mantello centrale, invece di concentrarci su alcuni alla volta, come di solito si fa, si ottiene una prospettiva completamente nuova”, ha affermato Doyeon Kim, autore principale dello studio. Dipartimento di Geologia presso UMD. “Ci mostra che la regione di confine del nucleo del mantello ha molte strutture in grado di produrre questi echi, e questo era qualcosa che non avevamo notato prima perché avevamo solo una visione ristretta.”

Con loro sorpresa, i ricercatori hanno scoperto che quasi la metà delle onde diffratte si diffondevano attraverso strutture tridimensionali vicino al confine tra il nucleo e il mantello, rivelando nuove informazioni su questa regione della Terra sotto il Pacifico. Hanno trovato molte strutture precedentemente identificate, ma anche una nuova zona a bassissima velocità sotto le Isole Marchesi.

“Abbiamo trovato echi in circa il 40% di tutti i percorsi delle onde sismiche”, ha spiegato Vedran Lekic, coautore dello studio UMD. “Questo è stato sorprendente, perché ci aspettavamo che fossero più rari, e ciò significa che le strutture anomale sul confine tra il nucleo e il mantello sono molto più diffuse di quanto si pensasse in precedenza.”

I ricercatori hanno rilevato segnali particolarmente forti sotto le Hawaii e le Isole Marchesi, portando a grandi ULVZ.

“Siamo rimasti sorpresi di trovare una risorsa così grande sotto le Isole Marchesi che non sapevamo nemmeno che esistesse prima”, ha detto Lekic. “Questo è davvero eccitante, perché mostra come l’algoritmo Sequencer può aiutarci a contestualizzare i dati sismografici in tutto il mondo in un modo che prima non potevamo”.

Nello studio, gli scienziati si sono concentrati sugli echi prodotti da una specifica classe di onde sismiche note come onde di taglio. Secondo lo United States Geological Survey, le onde di taglio spostano il terreno da un lato all’altro perpendicolarmente alla direzione in cui si sta muovendo l’onda. Quando si osserva un singolo sismogramma, è difficile distinguere gli echi generati dalle onde di taglio diffratte dal rumore casuale. Tuttavia, l’osservazione di molti sismogrammi registrati contemporaneamente può fornire preziose informazioni sull’interno della Terra.

Nonostante le ultime scoperte, gli scienziati sanno ancora relativamente poco sulla composizione di ULVZ. Tuttavia, studi come l’ultimo articolo possono avere implicazioni per la nostra comprensione dei processi geologici, come le placche tettoniche, nonché l’evoluzione del nostro pianeta. Ma ci sono anche molti esperti che assicurano che questa scoperta mostri che le strutture misteriose non sono di origine naturale, ma artificiali. Si spingono ancora oltre, garantendo che sia il continente perduto, Atlantide.

Finora, l’evidenza più evidente che Atlantide fosse un mito era che nessuna traccia è mai stata trovata, nonostante i progressi nell’oceanografia e nella mappatura dei fondali negli ultimi decenni. Tuttavia, ora abbiamo prove che ci sono strutture misteriose all’interno della Terra. Ora possiamo solo viaggiare per scoprire cosa sono.

Qual è la tua opinione sulle misteriose strutture all’interno della Terra? È la prova dell’esistenza di Atlantide?

Commenta su facebook