Gli scienziati dell’Università di Harvard suggeriscono che la vita extraterrestre a lungo cercata potrebbe essere “nascosta nella luna”

Una nuova ricerca di due scienziati dell’Università di Harvard negli Stati Uniti suggerisce che la tanto ricercata vita “extraterrestre” potrebbe essere nascosta sul satellite naturale della Terra, la Luna.
Secondo Abraham Loeb e Manasvi Lingam, scienziati che supportano questa nuova ipotesi, le condizioni geologiche e atmosferiche della luna possono offrire l’opportunità di scoprire tracce di vita aliena.

loading…



Gli esperti, citati dal portale del futurismo, sostengono che, poiché in questo satellite naturale non vi è atmosfera, gli oggetti spaziali potrebbero raggiungere la sua superficie. Inoltre, continuano, la luna è geologicamente inattiva, nel senso che tutto ciò che è atterrato sulla luna negli ultimi milioni di anni è ancora lì, perfettamente conservato.
“Funzionando come una cassetta postale naturale, la superficie lunare ha raccolto tutti gli oggetti di impatto negli ultimi milioni di anni. Senza controllare la nostra casella di posta, non sanno mai quali messaggi sono arrivati ​​[lì] ”, ha scritto Loeb, che è anche professore di astronomia all’università degli Stati Uniti.


Data questa capacità di conservazione, Loeb confronta, in un articolo pubblicato su Scientific American, la luna con una sorta di “rete da pesca” per la vita extraterrestre.
La maggior parte degli oggetti che colpiscono la superficie lunare provengono dal Sistema Solare, ma la scoperta di Oumuamua, il primo oggetto interstellare noto, potrebbe suggerire che un’indagine approfondita sulla luna potrebbe portare nuove scoperte.

Secondo il professor Loeb, che cita le misurazioni attuali, la superficie lunare può contenere fino a 30 parti di oggetti interstellari per milione di materiali di superficie.


“Se alcuni impattori interstellari trasportassero blocchi di vita extraterrestri, sarebbe possibile estrarre biomarcatori con l’analisi dei campioni di superficie lunare. La domanda chiave è se la vita lontana assomiglia alle strutture biochimiche che troviamo sulla Terra. “
“Le somiglianze possono implicare che esiste un percorso chimico unico verso la vita ovunque o che la vita è stata trasferita tra sistemi”, ha spiegato.


Loeb sottolinea inoltre che il suo studio con Lingam fornisce un nuovo incentivo per la creazione di una base lunare. Recentemente, la NASA ha annunciato che rimanderà gli astronauti sulla luna entro il 2024. L’agenzia spaziale americana spera anche di stabilire una presenza sostenibile sulla luna entro il 2028 per inviare missioni su Marte.

Commenta su facebook