I sarcofagi giganti di Saqqara usati come portali dimensionali o “Stargate”

Giganteschi sarcofagi in granito, del peso di 70 tonnellate, sono collocati in nicchie scavate nella profondità della terra. È l’enigma di Saqqara, uno dei più antichi e vasti siti archeologici dell’antico Egitto. I ricercatori si chiedono come sia stato possibile inserire questi giganteschi artefatti in spazi così ristretti e fino ad oggi rimane un mistero irrisolto. Ma quali sono le ragioni?

Situato sulla riva occidentale del Nilo, a circa 30 km a sud del Cairo, è il sito di Saqqara, una delle aree funerarie più antiche ed estese dell’antico Egitto. Nell’immensa necropoli, sorge la piramide di Teti, il primo sovrano della VI dinastia d’Egitto. Il faraone costruì la vicina piramide e il tempio mortuario durante il suo regno più di 4000 anni fa.

La piramide Teti è molto importante, in quanto contiene le più antiche iscrizioni nel mondo, parte dei “Testi delle Piramidi”, una raccolta di antichi scritti religiosi che risalgono al 2400 aC, contiene Osiride passa, il dio egizio della vita dopo morte e istruzioni su come preparare il bottino del faraone in vista della sua ascensione al cielo dopo la sua morte.

“Nei testi delle piramidi tutto sulle stelle, il re di diventare una stella e ascendente verso il cielo per raggiungere Osiride-Orione nel cielo”, spiega Robert Bauval, co-autore di Il Mistero della Genesi. Ciò che è importante sottolineare è che gli antichi Egizi credevano che in un’epoca chiamata “ZP TPJ” (di solito trascritto come Zep Tepi, letteralmente “la prima volta”), gli dei vivevano insieme, e poi scomparve di nuovo. “Cosa piramide testi dire è che l’uomo può unire gli dei ancora una volta Per fare questo, dobbiamo passare attraverso la morte:. ‘Re parlando di un viaggio extra-dimensionale dell’anima”, dice Philip Coppens, autore di Rosslyn Enigma.La verità dietro i misteri templari e massonici.

“Egittologi chiamano queste tombe monumenti, ma gli egiziani non erano tombe, ma le porte per l’aldilà”, continua Bauval. Quindi queste tombe servono come amplificatori per l’apertura di portali di accesso reali ad altre dimensioni? “E ‘stato attraverso queste strutture che il re ha iniziato il suo viaggio nel mondo di un altro mondo, di fronte a ostacoli, i pericoli e le minacce Se avesse superare queste minacce, avrebbe avuto accesso al regno di Osiride.” – dice Bauval.

L’enigma dei giganteschi sarcofagi

Lasciati intatti sotto le sabbie del deserto per secoli, le rovine di Saqqara custodiscono il vero mistero dell’intero luogo, un enigma situato a soli 800 metri dalla piramide di Teti. Nel 1850, l’archeologo francese Auguste Mariette fece una scoperta straordinaria: un enorme bunker sotterraneo, il Serapeum di Saqqara, un labirinto di gallerie scavate nella roccia.

All’interno, enormi sarcofagi in granito sono posizionati e si ritiene che siano stati trasportati dalla città di Assuan a circa 960 miglia di distanza. Ne vengono contate poche decine e pesano circa 70 tonnellate ciascuna, ciascuna composta da un unico blocco di granito, così levigata da poterla specchiare.

Ma il vero mistero è come gli antichi egizi riuscirono a trasportare queste enormi rocce per chilometri e poi metterli in stretto labirinto sotterraneo Serapeo. Per quale scopo? “E ‘un vero e proprio puzzle”, dice Erich Von Dänikem, uno dei fondatori della teoria di Ancient Astronauts. “Bisogna immaginare gli antichi Egizi scavato chilometri e chilometri di gallerie sotterranee nella roccia, rendendo alcune nicchie ai lati. Poi viaggiare per giorni per raggiungere la città di Assuan per estrarre roccia di granito più duro là e trasportarlo in qualche modo a noi sconosciuto, questi tunnel sotterranei “.

La maggior parte degli studiosi suppongono che il Serapeo e la sua enorme sarcofagi sono state fatte per ospitare i resti mummificati di api sacri, che gli antichi egizi credevano che cadde dal cielo e sono stati premiati con cerimonie elaborate. Tuttavia, quando Mariette ha aperto il sarcofago scoperto che erano vuoti, ad eccezione di alcune ossa. Sul sito, infatti, solo una mummia Api Toro è stato trovato.

Questa scoperta ha portato al suggerimento di alcuni studiosi che in realtà gli egiziani temevano le api Bulls, invece di adorare, perché sono stati creati dagli dei come animali sacri, ci si aspettava di morire di morte naturale e un tempo morto sono stati distrutti, rompendo le ossa, poi sono stati sigillati nei sarcofagi. E ‘una pratica unica nel suo genere, dal momento che gli animali venivano mummificati, quindi quando c’è sarcofagi ancora in Egitto in solo un mucchio di ossa, si dovrebbe chiedere perché a morire uno Api Toro, egiziani ha rotto le ossa e hanno messo un berretto da 35 tonnellate? Volevano assicurarsi che non avrebbero in futuro? In ogni caso, gli studiosi sono perplessi, dal momento che lo scopo originario di queste cassette di sicurezza non può essere pienamente compreso.Perché molti di loro sono vuoti?

Tecnologia aliena?

Quale tecnologia è in grado di chiudere il serbatoio vuoto con otto metri cubi di volume interno? Perché era vuoto? Il Serapeum è scavato dodici metri di profondità e consiste di tre passaggi; il maestro è lungo 68 m, largo 3 me alto 4,5 m, con 24 camere laterali tagliate nella roccia, la più lunga delle quali va da 6 a 11 metri e larga da 3 a 6 m. 24 bare che contengono 80 tonnellate ciascuna, con coperture di 15 tonnellate di granito e basalto di estrema durezza.La domanda è: quali strumenti sono stati usati per ottenere questa precisione che funziona con materiali così difficili, secondo gli egittologi hanno più di 3000 anni?Nessuno allora aveva gli strumenti per lavorare la durezza di questo tipo di granito. Solo la tecnologia avanzata, forse di origine aliena, potrebbe creare tali tombe,

Le superfici di questi grandi contenitori sono perfettamente lisce, con bordi precisi e perfetti, costituiti da un solido blocco di granito incredibilmente spesso. L’interno è dotato di una luminosità impeccabile, qualcosa come uno specchio. Queste 24 tombe dovevano avere uno scopo o un uso che nessuno poteva capire. Tra i ricercatori si dice che il Serapeum, oltre ad essere una necropoli, è un luogo magico, di cui non conosciamo altro, dove sono precisamente le famose scatole nere o sarcofagi.

Gabriel Silva, nel suo libro “Il faraone”, difende la teoria in cui si dice che i sarcofagi neri fossero completamente sigillati creando un vuoto nell’interno. Dice che alcuni ricercatori hanno segnalato anomalie tramite dispositivi elettronici.

Sulla parte esterna della piastra rettangolare copre sono state trovate le tombe, parecchi disegni scritte e geometriche di diversi tipi.Ciascuno dei sarcofagi presenta sculture perfette e sorprendenti, realizzate grazie a macchine con tecnologia indiscusso. Essi sono situati in posizioni strategiche in ciascuno di essi, per soddisfare una missione inaspettato.

Potrebbe essere che ogni sarcofago aveva uno scopo diverso da tutto il resto? Rabdomanzia alcuni esperti che erano in visita le tombe, si sono resi conto queste scatole nere o serbatoi, come luoghi per l’aumento, questo è Stargate reali per andare in altre dimensioni o di reincarnarsi su altri pianeti. Pensare che tutto ciò sia accaduto più di 30 mila anni fa.

Commenta su facebook