Serie di debutto del gruppo Gaucho su UFO e extraterrestri sul canale storico

Con la mostra nel canale Storia, le serie attraversano il Brasile riportando casi nazionali relativi ai fenomeni UFO
Comunicati stampa
“De Carona com os Uvnis” è la prima produzione brasiliana ad occuparsi di casi di ufologia in forma documentaria.

Un uomo barbuto di mezza età si arrampica su una jeep e scoppia il Brasile per svelare storie che non toglierebbero molte persone dal letto, per paura o per pura incredulità. Introdotto dal gaucho Fred Morsch, De Carona With UFOs mostra casi emblematici su esseri extraterrestri e oggetti volanti non identificati che si sono verificati nel paese. Alcuni di loro, a Rio Grande do Sul. Con una premiere questo venerdì (7), alle 23.20, nel canale di abbonamento History, la produzione è la prima serie di documentari brasiliani sull’ufologia.

Formata dai gauchos, la squadra ha investigato casi ampiamente pubblicizzati dalla stampa, come ET de Varginha e altri meno mediatici, tra cui il sospetto che gli esseri di un altro pianeta estraessero minerali all’interno del gaucho. Trascorsero sei mesi viaggiando da nord a sud del paese e ascoltando persone che hanno assistito a diversi fenomeni, dalle notizie di rapimenti alla vista di strane luci. Non importa in quale angolo è arrivato il team e con quale accento i casi sarebbero stati contati, avevano punti in comune.

“Ovunque, le persone hanno sempre descritto storie allo stesso modo. Ad esempio, le navi arrivano e attaccano i residenti. Un’altra cosa che hanno detto è che quando la luce è comparsa nel cielo, “la notte è diventata giorno”. In ogni posto, la gente chiama in un modo. C’era un uomo che mi ha detto: “Non so cosa ho visto, ma sembrava un bacino”, dice Fred.

Il progetto della serie nasce da un vecchio interesse del presentatore di 48 anni, naturale di Getúlio Vargas, e del suo cugino, regista e sceneggiatore della serie Eduardo Cabeda, 44 anni, di Passo Fundo. I lettori della rivista UFO in adolescenza, vennero a condividere, ciascuno nella sua città natale, visioni di oggetti luminosi che svolazzavano il cielo, un fenomeno che l’ufologia chiama avvistamento.Anni dopo e senza esitare nella convinzione che ci sia vita fuori dalla Terra, hanno presentato la sceneggiatura del produttore Leo Sassen, di Clip Producer, di Porto Alegre, con il quale non era necessario spendere molto saliva per convincere sull’argomento.

Credente che la vita fosse sul pianeta Terra, Fred Morsch è l’avventuriero che parte alla ricerca dei casi più misteriosi
Cristiano Seifert / Storia

Sebbene fosse la prima volta di Fred davanti alle telecamere, non c’era nessuno sforzo per ritrarre uno zaino in spalla che si schianta lungo la strada per risolvere i casi ufologici. A suo agio nell’essere se stesso, ha persino usato la sua chitarra nelle registrazioni, modello Flying V, simile a una nave triangolare, che brandisce quando riposa delle indagini. Il motto di credere a quello che fai non è mai sembrato così naturale.

“Non potevo fare lo spettacolo se non ero sicuro che qualcosa stava accadendo a livello globale”, dice Fred.

La squadra ha viaggiato da nord a sud del Brasile
Marcelo Curia / Storia

Divisa in 13 episodi, la serie porta anche testimonianze di ufologi brasiliani che danno spiegazioni possibili su ciò che rimane senza risposta. Una delle prodezze della produzione è stata quella di aver potuto intervistare una delle tre ragazze coinvolte nel caso più popolare in Brasile, tenutosi nel 1996 a Varginha, nel Minas Gerais. Sono stati loro a cambiare la realtà della città tranquilla sostenendo di aver visto un essere dagli occhi rossi identificato come un ET. I rapporti dicono che dopo la polemica, uomini in nero arrivarono in città con valigie piene di soldi per comprare il silenzio di chi ne sapeva troppo. Nell’ambito del programma, i militari avrebbero anche nascosto informazioni sul caso, offuscando ulteriormente la vicenda e scoraggiando la gente dal parlarne.

– Entrano per soffocare completamente il caso. Se la gente sa che non siamo soli, può generare un panico generale – afferma il produttore Leo Sassen, che assicura che la serie abbia accesso a documenti segreti sulla storia.

Ex quartier generale del settore minerario del rame, Minas do Camaquã, nel distretto di Caçapava do Sul, nel sud-ovest dello stato, conserva storie di persone abituate alle luci del cielo e macchine inseguite dagli UFO sulla strada.Oggi una città fantasma, sarebbe diventata attraente per gli extraterrestri a causa della sua ricchezza minerale, che, come immagina, sarebbe stata derubata durante le invasioni. Queste regioni che concentrano molti episodi misteriosi sono chiamate hotspot.

– Il Brasile è un hotspot. Ha un sacco di avvistamenti “, dice Fred Morsch.

Sull’isola di Colares, in Pará, un curioso caso di attacco extraterrestre intriga ancora i residenti
Comunicati stampa

Un altro caso si è verificato sull’isola di Colares, in Pará, che sarebbe stata la scena di un attacco di UFO nel 1977. Secondo gli abitanti, le luci provenienti dal cielo venivano indirizzate a loro per succhiargli il sangue. Il caso è stato studiato dalla Brazilian Area Force e ha ricevuto il nome in codice di Operation Plate, ma, nella bocca del popolo, ha trasformato Chupa-Chupa.
https://www.youtube.com/watch?v=
Il viaggio ha consolidato la certezza che il presentatore, il regista e il produttore avevano già sull’esistenza della vita al di fuori della Terra. Ma tra la squadra di Gaucho che ha lasciato con loro sulla strada, c’erano quelli che non erano in sintonia con tale convinzione. Eduardo Cabeda dice che, dato l’impatto delle storie, almeno avevano una pulce dietro le orecchie.

– Quelli che non credevano, hanno rifatto i loro valori, dice il regista.

Commenta su facebook