Era un UFO, una meteora. . . o un satellite russo fuori controllo?

Era una cometa, un UFO, una spazzatura spaziale, una meteora o un aereo in fiamme?

Secondo un esperto locale, l’oggetto visto volare attraverso il nostro cielo la scorsa notte era probabilmente il resto di un satellite russo – e c’è una possibilità, piccola, che una piccola parte di esso potrebbe essere seduta nel cortile di qualcuno.

Migliaia di kiwi eccitati da Whangarei a Nelson hanno preso rapidamente i social media ieri sera per pubblicare foto e video dell’oggetto luminoso che ha attraversato il nostro cielo al tramonto, e poi sembra scomparire.

Da allora c’è stata molta speculazione su cosa fosse l’oggetto – e cosa ne è successo una volta scomparso dalla vista – ma, secondo un esperto spaziale di spicco, erano quasi certamente i resti di un satellite di difesa missilistica russo fuori controllo..

Il cosmologo teorico Professor Richard Easther, il capo della fisica dell’Università di Auckland, disse che era sicuro al 99% che era il satellite russo Kosmos 2430 – e che i russi sembravano aver perso il controllo su di esso.

Ha detto che è stato tra i numerosi satelliti inviati in orbita attorno alla Terra dalla Russia per proteggersi dagli attacchi missilistici, principalmente dagli Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti hanno una simile costellazione di satelliti”.

Easther ha detto che era molto probabile che qualsiasi residuo del satellite da quasi 2 tonnellate fosse sopravvissuto al calore intenso della sua immersione attraverso l’atmosfera atterrata nel mare.

Era concepibile, tuttavia, che detriti come grossi pezzi di vetro o metallo bruciato fossero sbarcati nel cortile di qualcuno.

“Nel telecomando [caso] … che scopri qualche” spazzatura spaziale “, alcuni veicoli spaziali dispongono di piccoli motori di manovra che utilizzano propellenti tossici, quindi qualsiasi cosa che assomigli ad una bombola o serbatoio del gas deve essere trattata con cautela.

Ma pezzi di metallo sono quasi sicuramente al sicuro, a parte gli spigoli.”

Alla domanda se ci fosse l’obbligo di riferire tali scoperte, ha detto: “Immagino che i vigili del fuoco sarebbero la vostra prima chiamata, gestiranno anche i rischi chimici.

“E non ho idea di chi possegga i detriti”, ha detto, aggiungendo, ironico, che se avesse fatto danni, il presidente russo potrebbe essere avvicinato: “potresti mandare Vladimir Putin il conto”.

Easther ha detto che diversi satelliti sono tornati sulla Terra ogni anno. Tra quelli degni di nota figurano lo Skylab statunitense e un satellite russo che ha contaminato parte del Canada.

I detriti di Skylab sono stati rinvenuti nell’Australia occidentale dopo che la stazione spaziale statunitense si è schiantata sulla Terra nel 1979.

L’anno precedente, il satellite da ricognizione sovietico Kosmos 954 sparse detriti radioattivi nel Canada settentrionale quando rientrò nell’atmosfera terrestre. Un errore prima del rientro aveva impedito la separazione sicura del suo reattore nucleare a bordo.

Easther ha detto che Kosmos 2430 era noto per passare la Nuova Zelanda al momento del luminoso oggetto la scorsa notte. La prova che sarebbe stata la causa sarebbe stata in Skywatcher a denunciare la sua assenza.

Se fosse stata una discesa controllata, sarebbe stata manovrata per tuffarsi nell’Oceano Antartico.

Il fatto che il suo rientro sia avvenuto in Nuova Zelanda ha implicato che “i russi hanno perso il controllo su di esso”.

Commenta su facebook