Il fondatore di Amazon: Jeff Bezos vuole creare una colonizzazione di umani nello spazio

Il magnate della tecnologia ha dettagliato i suoi piani ambiziosi durante un discorso allo Yale Club di New York. 

Il suo discorso ha fatto uno scavo velato al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg. 
Il capo della Amazon crede che il suo successo vi aiuterà a perseguire il suo sogno 
Bezos è già in competizione con Elon Musk e Richard Branson nella corsa per la conquista del turismo spaziale 

esseri umani nello spazio per creare colonie popolate per ‘migliaia di Mozart e Einstein’ 
magnate la tecnologia ha dettagliato i suoi piani ambiziosi durante un discorso allo Yale Club di New York. 

Il suo discorso ha fatto uno scavo velato al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg. 
Il capo di Amazon crede che il suo successo lo aiuterà a realizzare il suo grande sogno.
Bezos è già in competizione con Elon Musk e Richard Branson nella corsa per la conquista del turismo spaziale

Jeff Bezos fondatore di Amazon

Il miliardario Jeff Bezos vuole costruire una nuova comunità di superumani nello spazio. Il boss del Rio delle Amazzoni con la sua fortuna stimata in 103 miliardi £, sogna di mettere un trilioni di persone nel sistema solare per creare colonie popolate per ‘1000 Mozart e Einstein’ 

‘Il sistema solare in grado di supportare una trilioni di umano, allora avremmo 1.000 Mozart e 1.000 Einstein. Pensa a quanto incredibile e dinamica sarà questa civiltà “, ha detto a un pubblico dello Yale Club di New York. 

“Ma se lo faremo, dobbiamo entrare nel sistema solare. Devi catturare più dell’alba, e dobbiamo usare tutte le risorse che ci sono nello spazio, in termini di minerali e non solo di energia. E questo è molto fattibile, ma dobbiamo iniziare.

Come riportato da Business Insider, ha aggiunto: “Il fatto è che non abbiamo per sempre, e il primo passo – non so tutti i passi futuri – ma so che uno di loro è che abbiamo bisogno di costruire un veicolo di lancio altamente operabile, riutilizzabile Indipendentemente dal percorso che intraprendi, deve attraversare quel gateway. 

“Questo è un passaggio molto costoso, motivo per cui Blue Origin si concentra su di esso. voglio che questa vita dinamica e la civiltà ai nipoti dei nostri nipoti. Ma abbiamo bisogno di cominciare. 

Bezos è attualmente in una feroce concorrenza con Elon Musk e Richard Branson di Virgin per lanciare la prima missione spaziale commerciale.

Musk, CEO di SpaceX, ha detto la sua Starship razzo farà il suo primo viaggio verso il pianeta rosso nel 2022, portando con sé solo carico, seguita da una missione umana nel 2024. 

Ma l’anno scorso la SpaceShipTwo della Virgin Galactic VSS Unità, ha volato più superiore rispetto al passato, al di là di ciò che la US Air force ritiene che il bordo dello spazio, e segnando il primo volo umano nello spazio dal 2011. 

il veicolo spaziale ha raggiunto un altezza massima di 51,4 miglia (82,7 km) . L’aeronautica militare statunitense considera il limite di spazio di 50 miglia. 

La breve suborbitale volo – con due piloti a bordo – è stata una tappa importante per la società che sta cercando di inviare turisti nello spazio ad un costo di $ 250.000 (£ 191.000) per posto.

Né Blue Origin né Virgin Galactic sono pronti a salire a bordo dei loro primi passeggeri paganti, ma entrambi stanno prendendo di mira i primi voli quest’anno.

Il fondatore di Amazon ha dichiarato di essere stato ispirato a cercare la scienza e l’ingegneria allo sbarco sulla Luna nel 1969 e di costruire lì insediamenti permanenti. 

ANDANDO SULLO SPAZIO CONORIGINALE BLU  : COME FUNZIONA

Colonizzare lo spazio

Come le precedenti release di origen Blu, il razzo di New Shepard girato orbita (uno) prima di scollegare la capsula del passeggero (due), e poi atterrare verticalmente (quattro o cinque) di nuovo sulla rampa di lancio. Poco dopo, la capsula ‘equipaggio della capsula 2.0’ galleggiare di nuovo a terra (sei) 

Il sistema è costituito da una capsula pressurizzata equipaggio su un razzo riutilizzabile ‘Nuovo Shepard’. 

I due veicoli vengono lanciati insieme, accelerando per circa due e un minuto e mezzo prima che il motore è spento. 

La capsula si separa quindi dalla girante per muoversi silenziosamente nello spazio. 

Dopo qualche minuto di caduta libera, il Booster effettua un atterraggio verticale autonoma con motore a razzo.

La capsula del passeggero atterra delicatamente sotto i paracadute, entrambi pronti per l’uso di nuovo.

Commenta su facebook