Il brusio degli avvistamenti UFO illumina i social media, ma l’Arizona ha una lunga storia di strani oggetti nel cielo

Beh, non è poltergeist, ma ci sono nuovi dettagli su qualcosa di altrettanto spaventoso a seconda del tuo modo di affrontare oggetti volanti non identificati e alieni.

Gli avvistamenti UFO non sono estranei all’Arizona. Domenica, dopo che sono stati riportati nuovi dettagli sugli avvistamenti UFO della Marina, durante il fine settimana di vacanza le persone si sono rivolte ai social media per condividere storie sugli alieni e sui loro aerei.

Arizona si classifica tra i primi 10 stati con il maggior numero di avvistamenti UFO, secondo il National UFO Reporting Center. Il centro non fa affermazioni sulla validità dei rapporti.

Un’intervista del New York Times pubblicata domenica con un pilota della Marina statunitense descrive una serie di avvistamenti UFO inusuali tra l’estate 2014 e il marzo 2015. Il pilota ha riportato i suoi avvistamenti al Pentagono e al Congresso.

L’anno scorso, il video e l’audio declassificati hanno mostrato che i piloti della Marina apparentemente incontrano un UFO in rotazione mentre volavano con il loro jet da combattimento Boeing F / A-18 Super Hornet lungo la costa orientale. Il Dipartimento della Difesa non ha voluto commentare il video.

“Cos’è quella cosa?” un pilota può essere sentito dire nel video.

“Oh mio Dio, amico! Guarda quel volo! “Disse un altro.

Il filmato è stato pubblicato nel marzo 2018 in seguito ad altri due video di apparenti avvistamenti UFO da parte di piloti della Marina pubblicati dal New York Times.

Oggetti volanti ad altezze estreme a velocità ipersonica, piccoli oggetti inspiegabili sui radar e persino collisioni ravvicinate con gli oggetti sono stati descritti nell’articolo di Sunday’s Times. L’intervista ha visto il tenente Ryan Graves, un pilota di Super Hornet F / A-18 che è stato con la Marina per 10 anni.

Nuove indicazioni su come segnalare gli UFO

All’inizio di quest’anno, la Marina ha inviato nuove linee guida su come segnalare oggetti volanti non identificati dopo che tali oggetti hanno iniziato a fare più apparizioni, secondo un rapporto di Politico.

“Dobbiamo prendere quello che la Marina e il Pentagono hanno detto di recente molto seriamente”, Direttore delle operazioni per Open Mind Productions Alejandro Rojas ha detto The Arizona Republic Martedì.”Prendono molto seriamente questi oggetti da soli e spesso non sono in grado di spiegare questi incredibili oggetti che si muovono a velocità e in modi che attualmente nessuna tecnologia umana fa”.

Nel 2017, il New York Times ha pubblicato una storia che dettagliava un misterioso programma del Pentagono, con il compito di rintracciare gli UFO.

Funzionari delle agenzie di difesa hanno detto che il programma, chiamato Advanced Aerospace Threat Identification Program, è terminato nel 2012. Ma il Times ha  riferito che il programma era ancora operativo nel 2017 nonostante i rapporti sul Pentagono che hanno smesso di finanziarlo.

I video sono stati rilasciati dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti con filmati di piccoli oggetti bianchi di forma ovale che si muovono attraverso il cielo.Gli esperti dicono che gli oggetti strani visti nei video hanno altre spiegazioni come i riflessi o gli errori nel codice.

Questi avvistamenti, e molti altri, provengono dalle quasi 130.000 pagine di documenti declassificati del Project Blue Book, i file dell’aeronautica sugli avvistamenti e le indagini sugli UFO. I documenti sono stati rilasciati online a gennaio 2015. 

Gli avvistamenti nei cieli dell’Arizona includono resoconti di dischi volanti riflettenti, palle di fuoco incandescenti e sciami di sfere simili a stelle.

L’Arizona è un hotspot per gli UFO

L’Arizona è diventata un punto di riferimento per gli avvistamenti UFO, c’è persino un congresso internazionale sugli UFO che si tiene ogni anno a Phoenix, dove una giuria di oratori ospiti discute della vita extraterrestre.

Un residente dell’Arizona ha riferito di essere stato rapito dagli alieni in un UFO decenni prima di una serie di oggetti volanti non identificati e lungimiranti chiamati “Phoenix Lights”. Il presunto rapimento del 1975 vicino a Snowflake ha ispirato il film di fantascienza del 1993 “Fire in the Sky”. 

La Guardia Nazionale dell’Aeronautica ha detto che le luci della Fenice erano bengala durante gli esercizi notturni alla Barry M. Goldwater Range.

Ma alcuni fedeli sostenitori dell’Arizona si sono opposti a spiegazioni scientifiche per strane cose che volano nel cielo.

Il National Reporting UFO Center ospita una hotline per gli avvistamenti. Il messaggio sulla hotline ha ringraziato i chiamanti adulti per i report, invitandoli a compilare anche un modulo online dettagliato.

Si sente anche la voce di un uomo sulla registrazione che chiede ai giovani di smettere di intasare la hotline con “chiamate frivole”.

Commenta su facebook